Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Vaccini: Vi Stanno Prendendo Per Il Culo. (di Non Si Sevizia Un Paperino)
Vaccini: Vi Stanno Prendendo Per Il Culo. (di Non Si Sevizia Un Paperino) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Martedì 07 Febbraio 2017 09:00
Vaccini: Vi Stanno Prendendo Per Il Culo.
Vaccini: Vi Stanno Prendendo Per Il Culo. (di Non Si Sevizia Un Paperino)

https://nonsiseviziaunpaperino.com/2017/01/31/vaccini-vi-stanno-prendendo-per-il-culo/

Non Si Sevizia Un Paperino

La settimana scorsa ci sono stati diversi commenti un po' pepati perche', in un articolo che parlava di tutt'altro, abbiamo citato la questione vaccini. Se posti la parola "vaccino" su Facebook, non importa se inserita in un contenuto che verte su altri argomenti, scatenerai orde di commentatori monotematici, un po' come se parli di veganesimo, se auguri "buon natale" sul gruppo Facebook dell'UAAR o se posti il nuovo logo della Juventus.

Ora, io sono una persona i cui coglioni girano con estrema facilita'. Non ho problemi con opinioni e argomentazioni contrarie alle mie, finche' hanno una base logica. La cosa che mi manda fuori dai gangheri sono le mezze frasi poggiate sul nulla e la difesa dell'opinione non informata "perche' le opinioni sono tutte uguali", che lo capite da soli che e' una cazzata: se io dico "i maiali volano" non e' un'opinione, e' una puttanata. Perche'? Perche' i maiali non volano, e' un dato di fatto. Per dimostrarlo potremmo lanciare maiali da una torre gridando "vola!", ma sarebbe uno spreco. Ora, immaginate che qualcuno vi dica "ma no, i maiali potrebbero volare, non lo fanno perche' sono pigri". Che fate? Arretrate senza perdere il contatto visivo o chiamate l'Unita' Ospedaliera di Salute Mentale? Perche', se gli date retta, avete voi un problema.

Adesso, torniamo ai vaccini, e partiamo da un dato semplice: i vaccini sono farmaci. Come per tutti i farmaci, anzi, come per tutti gli interventi sanitari, si parla sempre di rapporto fra rischi e benefici: nel valutare se e' il caso o meno di utilizzare un farmaco o un trattamento, si deve tenere conto sia degli effetti positivi che di quelli negativi. Sia i benefici che eventuali effetti collaterali devono essere valutati rispetto a due fattori: l'entita' e la probabilita' di comparsa. Ovviamente i benefici sono "desiderati": un dato farmaco e' studiato per dare un certo effetto, che porti a un miglioramento della salute del paziente o che prevenga in modo efficiente l'insorgere di una malattia, in modo che il rapporto sia sempre vantaggioso rispetto a eventuali effetti indesiderati, che devono sempre essere "meno" e "meno gravi" dei benefici.

Esempio bischero: un effetto collaterale piuttosto comune dell'aspirina sono i bruciori di stomaco, ma se hai la febbre e ti fa male ogni cazzo di giuntura un'aspirina la prendi, pazienza se hai sfiga e ti brucia un po' lo stomaco. Perche' lo fai? Perche' sai che la probabilita' che ti faccia stare meglio e' altissima, mentre quella di patire effetti collaterali e' molto, molto piu' bassa ed e' comunque un'alternativa migliore al malessere. A meno che uno non sia allergico al farmaco, se i disturbi derivanti da febbre, dolori e simili diventano molto fastidiosi non ha senso non prendere un'aspirina. A meno che uno non ci goda a stare male, ma quello e' un problema suo.

Dicevamo: l'aspirina. Se siete adulti e avete febbre e dolori, l'aspirina vi fara' stare molto meglio. L'aspirina, pero', non viene piu' prescritta ai bambini. Perche'? Perche' c'e' una correlazione fra l'uso del farmaco e l'insorgenza della sindrome di Reye, una malattia ancora poco conosciuta, ma molto grave e pericolosa, che colpisce in tenera eta'. E' una sindrome rara, ma il rischio che il farmaco la scateni e' troppo alto rispetto agli effetti dell'aspirina. Rischi e benefici non si equivalgono, in questo caso, per cui l'aspirina, ai bambini, non si puo' dare.

Nessuno dice che i farmaci non possano avere effetti collaterali. L'aspirina, come abbiamo visto, ce li ha, soprattutto nei bambini, ed e' per questo che a loro non viene prescritta. Nel caso dei vaccini, pero', gli effetti collaterali sono meno frequenti e meno gravi rispetto ai benefici dell'effetto del vaccino, ossia prevenire malattie le cui complicazioni possono essere molto gravi e ben piu' frequenti del manifestarsi di effetti collaterali. Pensateci: perche' l'aspirina e altre decine di farmaci non vengono somministrati ai bambini perche' fanno male, ma i vaccini si'? Vi pare una cosa logica? No, non lo e'. La spiegazione semplice e' che i vaccini, a differenza di altri farmaci, non hanno effetti collaterali importanti rispetto ai benefici derivanti dalla vaccinazione.

Prendiamo per esempio la difterite: un bambino che prende la difterite ha il 5% di probabilita' di morire. Un bambino che prende il vaccino DTP (che peraltro funziona anche contro tetano e pertosse) ha invece il di rischio di convulsioni (seguito da un completo recupero) nello 0,06% dei casi, e di sviluppare un'encefalopatia acuta nello 0,001% dei casi. Il rapporto rischi-benefici e' chiaramente molto sbilanciato in favore del vaccino: prendere la difterite, oltre ad essere una brutta gatta da pelare in se', e' estremamente rischioso.

Ho citato l'aspirina, pero', per un altro motivo: come nel caso dell'aspirina e della sindrome di Reye, se c'e' una correlazione dimostrata fra una malattia e un farmaco, ci sono enti preposti a raccogliere le prove necessarie e a cambiare (o sospendere) le modalita' di prescrizione e somministrazione di quel farmaco. Sono decine i farmaci ritirati dal commercio per questi motivi. L'AIFA, l'Associazione Italiana del Farmaco, ha liste di monitoraggio continuamente aggiornate e, su richiesta, fornisce tutti i dati che volete.

Adesso ripetete con me: non c'e' correlazione fra vaccini e autismo. Non esiste, se l'era inventata un ex-medico, che era stato pagato da un avvocato per inventarsi quegli studi, che avrebbero fatto da base per una causa legale. Si tratta di vicende ampiamente documentate, ci sono interviste, atti processuali e soprattutto tutti i contro-studi che hanno smontato la falsa teoria di Wakefield, che sono davvero tanti: nessun complotto, nessun mistero, solo una truffa. Se un bambino e' autistico, le cause sono altre: quali siano di preciso non e' ancora certo, ma e' sicuro che non sia colpa dei vaccini.

Vi ricordate l'AIDS? Ci misero un bel po' a capire da dove veniva, come si trasmetteva e come rallentarne e bloccarne gli effetti. Ora, non e' che siano andati a caso: sapevano di sicuro una serie di cose che sicuramente non lo causavano (per esempio sono sicuro che l'aspirina sia stata esclusa quasi subito dalla lista delle possibili fonti di contagio). L'autismo e' un argomento vastissimo e ancora nebuloso, e' ancora oggetto di studi, ma i passi avanti ci sono: bisogna guardare a quelli, non remare contro alla ricerca.

Capisco che chi abbia casi di autismo in famiglia possa voler trovare nei vaccini la causa del proprio dolore, sostenendo che il bambino o la bambina hanno avuto problemi dopo la somministrazione. Innanzitutto, ovviamente, mi dispiace: sono situazioni spesso difficili che per qualcuno possono essere difficili da gestire. Ma questo non vuol dire che "dopo qualcosa" equivalga a "a causa di".

Ve lo spiego con un altro esempio.

"Dopo il disastro in Messico della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon del 2010 sono ulteriormente diminuiti gli esemplari di lupo messicano, tanto che oggi l'animale e' a rischio estinzione". Sembra sensato, vero? Ma non lo e': i lupi messicani sono a rischio a causa della diminuzione delle loro prede naturali, che li spinsero verso i centri abitati portando l'uomo a ucciderne troppi, non c'entra nulla l'incidente della Deepwater Horizon (che e' causa di altri problemi, per esempio della morte di pesci e delfini). E non c'entra nulla neanche l'aspirina, di nuovo.

Chiaramente chi viene colpito da una tragedia o da una situazione imprevista e potenzialmente dolorsa cerca due cose: una soluzione e un colpevole. In mancanza della prima, si acuisce il desiderio del secondo: ci deve essere un colpevole, e deve pagare. E' una reazione normale. Purtroppo non e' sempre cosi', e' una cosa dura da accettare, ma - scusate la brutalita' - incaponirsi nel voler dare la colpa ai vaccini rischia di essere una perdita di tempo ed energie. Emotivamente e' chiaro che chi vive queste situazioni ha bisogno di tutta la comprensione e il supporto possibili, ma razionalmente e' meglio supportare la ricerca, quella vera, in modo che malattie e sindromi ancora poco conosciute diventino sempre piu' controllabili, risolvibili o, ancora meglio, prevenibili.

Un'altra falsa credenza che puo' apparire ragionevole e' quella secondo cui "troppi vaccini tutti insieme fanno male", perche' in effetti 13 vaccini in un anno sembrano tanti. Ma in realta' ogni bambino avrebbe la capacita' teorica di rispondere a molti piu' antigeni contemporaneamente, senza indebolire o sovrastimolare il sistema immunitario. Com'e' possibile? Semplice. I vaccini non sono altro che preparati contenenti una forma inattiva, attenuata o resa inoffensiva del patogeno da combattere (come funzionano i vaccini lo trovate qui). E un bambino entra in contatto con centinaia di migliaia di patogeni, virus e batteri, continuamente: attraverso l'aria, il cibo, le cose che tocca. E i vaccini, a differenza degli agenti patogeni che si incontrano in giro, sono fatti e iper-testati per essere innocui e migliorano col tempo. Quindi i vaccini che un bambino fa in un anno non sono "troppi", sono quelli che gli servono per non ammalarsi e non rischiare complicazioni anche gravi. Ricordate il rapporto rischi-benefici? Quello. Meglio il vaccino contro il meningococco, che ha effetti collaterali rarissimi e marginali, o la meningite, che uccide nel 10% dei casi e nel 25% dei casi porta a amputazioni, paralisi e danni neurologici permanenti? Chiedetelo a quella campionessa (sportiva, di umanita' e autoironia) che e' Bebe Vio. Vorrei dirvi che non voglio mettervi paura, ma e' proprio cosi': voglio mettervi paura. Perche' stiamo parlando di danni gravissimi evitabili in modo semplice: non vaccinare contro alcune malattie vuol dire prendersi un rischio enorme senza motivo.

Molti tirano in ballo una questione economica: ci fanno vaccinare i bambini per lucrarci su!!1! E' una teoria che potrebbe sembrare sensata, dopo tutto le case farmaceutiche, essendo aziende, devono generare profitti. Ma, nuovamente, il binomio vaccini-business viene smentito dai fatti. A parte che i vaccini obbligatori sono gratuiti, In Italia la spesa farmaceutica totale per i vaccini e' pari a circa 318 milioni di euro all'anno circa, che sembrano tantissimi ma che sono in realta' appena l'1,4% della spesa farmaceutica totale e il 2,5% della spesa a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Per avere un metro di paragone, ricordate il bruciore di stomaco dell'aspirina? Ecco, per farmaci antiacidi e antiulcera in Italia si spendono oltre mille milioni di euro l'anno, pari al 4,6% della spesa farmaceutica totale. Insomma: i vaccini rendono meno della gastrite. Il "business" del farmaco e' altrove, anche perche' in realta' curare qualcuno che prende una malattia costa molto di piu' che vaccinarlo. Se le case farmaceutiche volessero fare soldi facili dovrebbero puntare sul non vaccinare: l'epidemia di morbillo del 2002, che ha fatto anche registrare un picco di casi di polmonite post-morbillosa ed encefalite e' costata nove milioni di euro in ricoveri e almeno altri 9 milioni per il resto delle cure. E se dite "vabbe', ma e' morbillo, io l'ho fatto e non fa danni" vi vengo a prendere a sberle: secondo l'Oms il morbillo miete circa 140.000 vittime l'anno, e quasi tutti bambini sotto i cinque anni. Sono 15 bambini morti all'ora. E' su questo che volete accanirvi?

Ora, possiamo discutere quanto volete sui vaccini e su quali siano da rendere obbligatori (non tutti i vaccini sono uguali), possiamo dibattere sul fatto che un vaccino obbligatorio debba essere gratuito, ma la maggior parte delle critiche mosse ai vaccini, dal numero degli stessi, alla pericolosita', ai costi per i cittadini, sono spessissimo frutto di "sentito dire", di bufale inventate da pezzi di merda senza scrupoli che vogliono vendervi rimedi naturali inefficaci e costosi lucrando sulle vostre paure e sul vostro dolore, facendovi correre rischi enormi e soprattutto facendoli correre ai vostri figli. Cercate "rimedi naturali morbillo", per esempio. Secondo uno di questi siti di espertoni del cazzo, per curare il morbillo una volta preso servirebbero euphrasia, stramonium, pulsantilla, gelsemium e sulphur (un modo altisonante di chiamare eufrasia, stramonio, anemone primaverile, gelsemio e zolfo), che sono rimedi erboristici e naturali, ma che vanno usati in preparati omeopatici - quindi col principio attivo praticamente assente. Facciamo due conti, vi va?

Euphrasia, 7,71 € da Farmaline.
Sulphur, 15,00 € da Biovea.
Stramonium, 10,60 € da Lehning.
Pulsantilla, 10,60 € da Lehning.
Gelsemium, 13,15 € da Vivomed.

Quindi: il vaccino, per adesso facoltativo, costa circa sessanta euro a prezzo pieno (ma in molte regioni e' gratuito o fortemente scontato) mentre i preparati omeopatici per lenire le pene da morbillo costano... la stessa cifra. Inoltre, dall'800 a oggi, non c'e' mai stato nessuno studio che dimostri l'efficacia di questi farmaci. A differenza dei vaccini.

Ditemi un po', di nuovo, chi e' che vi sta prendendo per il culo?

Adesso, per favore, prima di fiondarvi a commentare che sono un servo delle case farmaceutiche, che e' tutto un complotto, vi prego: prendetevi un po' di tempo per pensarci su, leggetevi i link nell'articolo, pensate al numero di farmaci non immessi in commercio o ritirati perche' dannosi, pensate al costo dei rimedi "non tradizionali" rispetto a quelli passati o scontati dal Servizio Sanitario Nazionale, leggetevi la storia di Wakefield controllando gli atti processuali, pensate se ha davvero senso un complotto per cui si farebbero piu' soldi con persone malate, ma in cui si sceglie di investire in prevenzione, e chiedetevi se chi vende rimedi "alternativi" non cerca anche lui un profitto. Fatevi due conti, davvero.

La medicina non e' infallibile, le case farmaceutiche sono aziende, il Servizio Sanitario Nazionale e' tutto meno che perfetto. E' tutto vero. Ma nessuno vi prende per il culo su queste cose, ci sono dati, studi, statistiche, basta avere voglia e tempo di leggerle. La truffa sta altrove, sta nel nutrirvi di sfiducia e paura per farvi comprare roba costosa e inutile che finisce, con ricarichi enormi, nelle tasche di pochi furbi stronzi.

Buona riflessione.
Marco Valtriani

.LINKS.
Fonte: Vaccini: Vi Stanno Prendendo Per Il Culo. (di Non Si Sevizia Un Paperino)
Home Page Non Si Sevizia Un Paperino: http://nonsiseviziaunpaperino.com/
Facebook Non Si Sevizia Un Paperino: https://www.facebook.com/NonSiSeviziaUnPaperino

.CONDIVIDI.