Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Giornalista Nasochista (di Militant Blog)
Giornalista Nasochista (di Militant Blog) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Venerdì 17 Novembre 2017 10:00
Giornalista Nasochista
Giornalista Nasochista (di Militant Blog)

http://www.militant-blog.org/?p=14882

Militant Blog

E povero il nostro "giornalista", soltanto un mese fa inviato speciale della legittimazione neofascista, lui e il resto di quella trasmissione di merda chiamata Nemo (qui lo sdoganamento fascista come strategia mediatica). E' bastata una testata a sconvolgere le emozioni della casta giornalista del paese, che improvvisamente si ritrova (in faccia) la realta' di un fascismo dato per virtualizzato, pacificato, sdoganato in ogni sua forma. Nessuna pieta' per chi da anni alleva un mostro improvvisamente sfuggito di mano.
Non abbiamo percepito cori d'indignazione mainstream per le quotidiane aggressioni del neofascismo romano, contro militanti politici o migranti, e oggi dovremmo salire sul carro dello sdegno trasversale solo perche' un personaggio della virtualita' mediatica incontra la legge della strada? Ma neanche per sogno. Il problema non e' Roberto Spada o la criminalita' di Ostia in questo caso. Il problema e' la politica che legittima questa criminalita', che ne solletica gli istinti, che si serve della compravendita di voti. Ci e' stato raccontato un neofascismo che portava il pane alle vecchiette e ripuliva la pineta dalle siringhe, occultando il legame tra questo stesso neofascismo e le mafie del litorale. E' stupefacente come le parole piu' adeguate le riesca a trovare un altro pagliaccio del politicamente distorto come Roberto Saviano: "Per quanto mi riguarda, alla luce di tutto questo, combattere Casapound significa fare antimafia". Un'antimafia liberista, nel suo caso. Ma capace almeno di rompere l'omerta' diffusa e trasversale di una legittimazione interessata. Per chi e' abituato a stare per strada non c'e' niente di stupefacente. E' questa la legge della periferia, un territorio dove sopravvivono solo brutali rapporti di forza. Lo sa chi fa politica in periferia, non lo sa (o finge di non saperlo) chi da una redazione santifica un mondo che vorrebbe totalmente dematerializzato dei suoi conflitti, delle sue contraddizioni, della sua essenza. Non bastera' una testata a cambiare una strategia politicamente interessata.

.LINKS.
Fonte: Giornalista Nasochista (di Militant Blog)
Home Page Militant Blog: http://www.militant-blog.org/
Facebook Militant Blog: https://www.facebook.com/collettivo.militant/
Twitter Militant Blog: https://twitter.com/MilitantBlog
YouTube Militant Blog: https://www.youtube.com/user/CollettivoMilitant

.CONDIVIDI.