Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Il Nuovo Codice Di Hammurabi (di Bagni Proeliator)
Il Nuovo Codice Di Hammurabi (di Bagni Proeliator) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Sabato 02 Dicembre 2017 10:00
Il Nuovo Codice Di Hammurabi
Il Nuovo Codice Di Hammurabi (di Bagni Proeliator)

https://bagniproeliator.it/il-nuovo-codice-di-hammurabi/

Bagni Proeliator

Su Le Monde, un gruppo di femministe dichiara che se un uomo viene accusato di stupro e' colpevole fino a prova contraria. Lena Dunham, sceneggiatrice di Girls, ha dichiarato la stessa cosa: le donne non mentono sullo stupro. Quindi se un padre, un fratello o un figlio verranno accusati di molestie da una tizia qualsiasi, e' giusto linciarlo su Twitter, farlo licenziare, calunniarlo, diffamarlo e possibilmente suicidarlo. Sara' bellissimo andare da un uomo di 66 anni e dirgli "papa', hai 12 ore per dimostrare a degli sconosciuti che 30 anni fa non hai toccato il culo a una tizia, altrimenti ti toglieranno la pensione".

Sperando non crepi subito d'infarto come con gli errori di Equitalia, sara' spassoso.

Mi colpisce come ne' le femministe di Le Monde ne' la Dunham abbiano spiegato perche' questo principio si debba applicare solo ai casi di molestia/stupro e non, che so, a quelli di tortura. O di omicidio. O strage. Vorrei inoltre far notare che se un tizio stupra una donna, conoscendo questo principio gli conviene ucciderla; se lei e' morta avra' un processo equo e assistenza legale. Se lei e' viva, no.

Portentoso, 'sto principio.

Altra domanda: se la stupratrice/molestatrice e' una donna, magari di un'altra donna, o di un bambino? Anche lei e' colpevole fino a prova contraria? Perche' e' risaputo che anche le donne stuprano, torturano, uccidono e sfregiano uomini, donne e bambini. In quel caso come funziona? La parola di un uomo vale meno che quella di una donna? E quella di un bambino?

Lo so, lo so, sto facendo il cockblocker. So che queste domande complicano una cosa "semplicissima" e tolgono alla folla il suo giusto e meritato linciaggio quotidiano, ma sto ancora imparando come funziona il tribunale popolare Social. Faccio domande a questi nuovi Savonarola e mi sento come quando discutevo con certi elettori che rispondevano "ma va laaaa', va laaaa', checcivuole a gestire un comuneeeee?".

E non ho nemmeno finito.
Perche' con tutto il rispetto del mondo e senza voler sembrare antipatico... c'e' un altro problema non trascurabile, in questo nascente tribunale sociale.

Ecco, lungi da me rovinare tutta quest'allegra giustizia sommaria, ma in Agosto una ragazza ha accusato un collega di Lena Dunham di averla molestata. Lena ha risposto che la ragazza certamente mentiva. Per questa dichiarazione e' stata massacrata dal tribunale social, nonostante si sia scusata per aver dubitato. Tolta Lena, ci sarebbe la storia della tizia che non aveva voglia di pagare il taxi e se n'e' andata minacciando di accusarlo di molestie. Un altro tassista e' stato salvato dall'app per lo stesso scherzo. E un altro ancora. A Milano un tassista sudamericano ha violentato la turista canadah, no. Sempre a Milano, la studentessa violentata sul treno da due marocchini si era inventata tutto. C'e' poi il caso dello stupro di Chiaia denunciato su Facebook, proposte di giustizia sommaria e poi era una palla. Un'altra ha mentito perche' voleva 1000 euro al mese da un imprenditore. Una chiede un passaggio, la carichi e scatta il ricatto. Anche le prostitute lo fanno. A Torino c'e' stata la ragazza violentata dai ROM; guerriglia urbana, poi scusate, mentivo. Una donna ha accusato il suo ex fidanzato di stupro "per farlo tornare da lei". Idea che ha avuto anche un'altra donna a Olbia.

Dev'essere tipo "prima Badoo, dopo #metoo".

Un'altra, per nascondere al marito l'amante, lo ha fatto incarcerare per un anno dicendo che l'aveva violentata. Un'altra l'ha detto per attirare l'attenzione. Una, per nascondere i succhiotti che le ha lasciato l'amante, racconta di essere stata violentata. Messa alle strette confessa di "avere fatto una cavolata". Una passa la notte con l'amante, poi si presenta dalla polizia millantando di essere stata sequestrata e stuprata. Non e' la sola a usare il trucco per coprire tradimenti. Ci sono poi gli immancabili 2/3 immigrati stupratori; roboanti dichiarazioni di Salvini, immancabile "castrazione chimica", poi non e' vero. Notare che, stando ai Carabinieri, la signora era "non nuova a questo genere di reati". Un'altra non ha il coraggio di dire al marito che fa la pornostar e dice che "e' stata costretta da un conoscente": falso. Un'altra s'e' inventata tutto per far ingelosire il fidanzato. Una ha accusato il vicino di casa di stupro per liberarsene. Un'altra ha speso tutti i soldi, non ha avuto il coraggio di dirlo al marito e ha inventato stupro e rapina. Un'altra lo ha fatto per non pagare il biglietto del treno. E l'ha fatto anche un'altra. In Inghilterra, una tizia nel corso degli anni ha rovinato la vita a ben 15 uomini, finche' qualcuno non si e' accorto che nessuno l'aveva mai stuprata. Che ne e' degli uomini, dopo? A me viene in mente Mohammed Fikri, intercettato durante l'indagine su Yara Gambirasio. La brava gente si e' premurata di rovinargli la vita. Poi e' saltato fuori che non c'entrava nulla. C'e' anche il caso di un italiano mandato in galera dalla compagna un mese per niente. Per. Niente.

Ora: sono assolutamente certo i casi qui sopra siano rarissimi e isolati. O forse non cosi' tanto. Ma sempre attenendosi ai numeri: quanti uomini innocenti e' accettabile rovinare, per saziare la sete di giustizialismo della casalinga di Voghera? Uno su mille? Su diecimila? Soprattutto: chi ha deciso che una massa dietro una tastiera ha il diritto di giudicare e punire qualcuno? Chi gli ha dato il potere di farlo?

Be', ammettiamolo: noi media, opinionisti e webstar di stocazzo abbiamo una discreta responsabilita'.

Non facciamo muro contro la falange d'immondizia umana che si indigna per noia e lincia per divertimento; anzi, ne abbiamo un terrore assoluto. Tanto da legittimare calunnie e diffamazioni coi vari "l'opinione della rete", "il web insorge", "la rete si indigna". Non sono opinioni, sono calunnie e diffamazioni, ossia reati. Il terrore di essere bollati come sessisti ci ha portati a presumere la colpevolezza in base all'organo sessuale. Abbiamo accettato il linciaggio dei colpevoli, e questo ha legittimato il linciaggio dei presunti colpevoli, in un delirio giustizialista collettivo dove chi cerca di moderare i toni e' bollato come complice, e per dimostrare di avere la coscienza pulita bisogna fare a gara a chi e' piu' intransigente; chiedere punizioni via via piu' severe fino alle immancabili torture, mutilazioni, esecuzioni.

Forse, prima di ritornare al codice di Hammurabi, sarebbe il caso di tirare fuori i coglioni e opporsi. Non partecipare a questo schifo. Non fare nomi. Non dare visibilita' ai linciaggi. Boicottare, bloccare e impedire ai capipopolo di crearne altri. In una parola, comportarci da persone responsabili e non da bestie emotive.

Ma immagino sia la frase che dice il classico guastafeste.

.LINKS.
Fonte: Il Nuovo Codice Di Hammurabi (di Bagni Proeliator)
Home Page Bagni Proeliator: http://bagniproeliator.it/
Facebook Bagni Proeliator: https://www.facebook.com/BagniProeliator
Twitter Bagni Proeliator: https://twitter.com/Niebbo
E-mail Bagni Proeliator: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna