Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Gaza: "Laboratorio" Che Aumenta I Profitti Per L'Industria Bellica Di Israele (di Nena News)
Gaza: "Laboratorio" Che Aumenta I Profitti Per L'Industria Bellica Di Israele (di Nena News) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Venerdì 19 Ottobre 2018 09:00
Gaza:
Gaza: "Laboratorio" Che Aumenta I Profitti Per L'Industria Bellica Di Israele (di Nena News)

http://nena-news.it/gaza-laboratorio-che-aumenta-i-profitti-per-lindustria-bellica-di-israele/

Nena News - Near East News Agency

La Striscia di Gaza e' sempre piu' il luogo dove Tel Aviv sperimenta le sue armi piu' mortali che poi esporta all'estero. Un business redditizio: l'industria militare israeliana misura il doppio delle esportazioni pro capite della sua controparte statunitense ed impiega una percentuale di forza lavoro nazionale del doppio rispetto a USA e Francia

Dopo aver esplorato il vasto regime di sorveglianza lungo il confine tra gli Stati Uniti e il Messico, e aver trovato sistemi israeliani installati ad ogni angolo, l'autore Todd Miller e io ci siamo spinti ad investigare su Israele, come la piu' grande patria dell'industria di sicurezza al mondo.

L'industria di armi israeliane misura il doppio delle esportazioni pro capite della sua controparte statunitense, ed impiega una percentuale di forza lavoro nazionale del doppio rispetto a USA e Francia, due delle prime (nazioni) esportatrici globali di armi.

Durante il nostro viaggio del 2016, non ci e' stato detto nulla dagli industriali israeliani piu' intraprendenti, di come fanno a controllare un'area delle dimensioni del New Jersey.

Nel nostro primo giorno li', mentre partecipavamo alla conferenza annuale sui droni, abbiamo incontrato Guy Keren, un carismatico amministratore delegato di mezza eta' di un'azienda israeliana per la sicurezza nazionale, chiamata iHLS. Fu proprio Keren della iHLS a organizzare la conferenza sui droni.

Parecchi giorni dopo, sedevamo con Keren in una delle nuove sedi dell'azienda sulla costa mediterranea della citta' di Raanana, citta' conosciuta per il suo parco industriale high-tech. Gli parlammo nella sala conferenze rispetto alla sua compagnia di laboratori informatici.

Ai piani di sotto, gruppi di giovani tecnici informatici cliccavano velocemente sulle loro tastiere. Il "Lighthouse complex", diceva Keren, potrebbe ospitare piu' di 150 startup.

Keren spiegava come la Striscia di Gaza rafforzi, di anno in anno, il vantaggio di Israele - e quindi della iHLS - nella competizione con gli altri paesi, perche' da' l'opportunita' di testare nuovi prodotti in tempo reale. Israele ha cosi' guadagnato il soprannome di "nazione startup" tra le elite di business del mondo.


Piastra umana di Petri

Abbiamo chiesto a Keren perche' l'industria tecnologica israeliana ha un livello di prestazioni di produttivita' stupefacenti, specialmente nel settore militare. "Perche' stiamo controllando i nostri sistemi dal vivo", ha detto. "Siamo in una situazione di guerra tutto il tempo. Se non sta succedendo in questo momento, succedera' in un mese."

"Non si tratta (solo) di costruire la tecnologia" e di dover aspettare anni per provare dei sistemi sul campo, ci ha detto Keren. Il segreto del successo nel settore tecnologico israeliano, ha spiegato, consiste nel "produrre tecnologie piu' velocemente di ogni altro paese".

Keren non e' il primo a fare questo collegamento.

Gaza e' ampiamente percepita come una piastra umana di Petri * - per aumentare la capacita' di uccidere e coltivare i metodi di pacificazione - tra i motori e gli shaker nei settori militari e high-tech israeliani.

Quando Roei Elkabetz, un generale brigadiere dell'esercito israeliano, partecipo' a una convention del 2012 di specialisti in tecnologia di controllo delle frontiere presso El Paso, Texas, mostro' sullo schermo la foto del muro costruita da Magal Security Systems, che isola Gaza al di fuori del mondo. "Abbiamo imparato molto da Gaza", ha detto. "E' un gran laboratorio."

Leila Stockmarr, una studiosa danese, ha partecipato allo stesso tipo di esposizioni di sicurezza israeliane a cui abbiamo partecipato io e Todd Miller. "La maggior parte dei rappresentanti della compagnia che ho intervistato, spiegavano la centralita' dello sviluppo e della verifica dei nuovi dispositivi di tecnologia, per le avanguardie militari israeliane e per le capacita' della Polizia, i quali operano per una concreta situazione di controllo della popolazione come nella Striscia di Gaza," scrisse nel suo tema del 10\6, intitolato "Al di la' delle tesi da Laboratorio: Gaza come cinghia di trasmissione per la guerra e la sicurezza tecnologica".


Messa a punto in tempo reale

Come detto da Stockmarr, un rappresentante della prima societa' di sicurezza: "Una volta che viene eseguito un ordine dall'esercito israeliano, e dopo un primo dispiegamento sul campo, i reparti tecnici della compagnia sono spesso contattati con richieste per correzioni e ritocchi basati sull'esperienza."

Cosi' ogni volta che l'esercito usa la tecnologia israeliana HLS [sicurezza interna], automaticamente viene testata. Le compagnie beneficiano enormemente di questo, e ogni volta che viene dato un nuovo ordine, dal campo di battaglia si lancia un feedback per migliorare le prestazioni di competizione, garantendo qualita' e efficacia.

A differenza delle altre industrie nazionali delle armi, Israele ha un laboratorio in un territorio da esso occupato - Gaza -, il che' facilita la produzione per le sue armi e la tecnologia di sorveglianza. Il coinvolgimento nella Striscia di Gaza, come notato da Stockmarr nel 2016, aiuta le compagnie a generare e rifinire nuove idee e mettere a punto le linee di prodotto.

Nell'Aprile 2018, Saar Koursh, allora CEO di Magal Security Systems - un concorrente al Presidente Donald Trump, per le proposte sulle infrastrutture di sorveglianza sul confine tra Stati Uniti e Messico - viene riportato che descrive Gaza come uno "showroom" per le compagnie del settore, "i cui clienti" apprezzano che i prodotti vengano testati in battaglia.

Stockmarr nota che i palestinesi a Gaza giocano su loro stessi un ruolo nella fase di test eseguendo una "parte cruciale" di questo ciclo del settore della sicurezza nazionale: "Per valutare un prodotto dato, includere sistematicamente le risposte mirate della popolazione alle nuove tecnologie securitarie, e' cruciale per gli investitori stranieri."

Parecchi tra i clienti globali, vendono qualsiasi idea se che il margine di profitto e' in crescita.

Secondo Bloomberg, "Le quote scambiate da Magal negli Stati Uniti sono balzate alla fine del 2016, non appena Trump parlo' di un muro al confine messicano". E durante il primo mese dell'attacco di Israele a Gaza nel 2014, il prezzo delle azioni della piu' grande societa' israeliana di armi, Elbit Systems, incremento' del 6,1%.

Piu' di 2.200 palestinesi furono stati uccisi in quell'attacco.


Un esperimento infinito

Quest'anno, dall'inizio della protesta della Grande Marcia di Ritorno il 30 Marzo, l'ultima linea israeliana di droni per il controllo delle folle, ha fatto il suo debutto a Gaza includendo un drone appropriatamente chiamato "Mare di Lacrime", drone fotografico prodotto nel commercio cinese e modificato dalla polizia israeliana per disperdere gas lacrimogeni sulle folle umane,- e lo Shocko Drone che getta acqua puzzolente sui protestanti.

Negli ultimi sei mesi, il Ministero della Salute di Gaza ha osservato gli effetti umani delle "pallottole a farfalla" israeliane, che esplodono all'impatto. Questi sono tra i proiettili piu' mortali che Israele abbia mai usato.

I dottori del personale di Medici Senza Frontiere hanno trattato ferite da proiettili a farfalla nel 50% degli oltre 500 pazienti visitati durante le proteste.

Molti dei protestanti che non sono subito rimasti uccisi, sono stati gravemente feriti, conferendo ai proiettili a farfalla un nuovo posto nella lunga storia di pratiche dell'esercito israeliano di tiro al fuoco per mutilare (Jasbir K. Puar, The Right to Maim: Debility , Capacita', Disabilita')

Dal 1° Ottobre, piu' di 150 palestinesi sono stati uccisi nella Grande Marcia di Ritorno, di cui oltre 30 bambini. Piu' di 10.000 sono stati feriti, meta' dei quali con armi da fuoco.

Nel frattempo, tornando al parco industriale di Raanana, negli uffici ad aria condizionata di iHLS, Keren e il suo staff, sono impegnati a sviluppare le prossime mosse dell'industria di armi israeliane, aggiornando i loro sistemi, ed espandendo i loro margini di profitto.
Gabriel Schivone

.NOTA.
* La piastra di Petri o capsula di Petri e' un recipiente piatto di vetro o di plastica, solitamente di forma cilindrica; e' un importante strumento di lavoro in molti cambi della biologia.

.LINKS.
Fonte: Gaza: "Laboratorio" Che Aumenta I Profitti Per L'Industria Bellica Di Israele (di Nena News)
Home Page Nena News: http://nena-news.it/
Facebook Nena News: https://www.facebook.com/nena.newsagency/
Twitter Nena News: https://twitter.com/nenanewsagency
E-mail Nena News: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.