Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Perche' Le Terre Rare Sono Il Nuovo Petrolio (E La Cina Ha Gia' Conquistato Il Mondo) (di Linkiesta)
Perche' Le Terre Rare Sono Il Nuovo Petrolio (E La Cina Ha Gia' Conquistato Il Mondo) (di Linkiesta) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Venerdì 02 Agosto 2019 10:00
Perche' Le Terre Rare Sono Il Nuovo Petrolio (E La Cina Ha Gia' Conquistato Il Mondo)
Perche' Le Terre Rare Sono Il Nuovo Petrolio (E La Cina Ha Gia' Conquistato Il Mondo) (di Linkiesta)

https://www.linkiesta.it/it/article/2019/03/08/cina-terre-rare-smartphone-auto-elettrica-ewaste-sostenibilita/41336/

Linkiesta

Si chiamano lantanoidi e sono quindici elementi chimici senza i quali nessuno smartphone, auto elettrica, turbina eolica potrebbe funzionare. L'80% di queste materie e' in mano alla Cina, che le vende in cambio di know how. Dimenticate i big data: il grande gioco dell'economia mondiale parte da qui

Questa e' la storia di 70 elementi, 15 (cosiddette) terre rare, 7 miliardi e mezzo di telefoni accesi, 50 milioni di tonnellate di rifiuti e di un Paese, la Cina, che da solo controlla buona parte di questa gigantesca economia degli elementi.
Questa e' la storia di un mondo convinto di essersi emancipato dalla materia attraverso il digitale e che invece, mai come ora, si sta legando mani e piedi a chi controlla il ciclo delle materie prime, dall'estrazione alla lavorazione sino allo smaltimento. Questa e' soprattutto la storia di un pianeta in cui si crede che il potere sia nelle mani di chi possiede i dati dell'utente finale, da Google a Facebook, mentre il realta' il pallino e' ancora una volta, nei secoli dei secoli, nelle mani di chi controlla le materie prime.

Partiamo da loro, dai materiali. Lantanio, terio, prasedonio, neodimio, europio, gadolinio, disprosio. No, non stiamo parlando di nulla di alieno, o preso in prestito da un romanzo di fantascienza. Si chiamano lantanoidi e li trovate sulla tavola periodica degli elementi di Mendeleev nel blocco F, il penultimo in basso, staccati da tutti gli altri. Se pensate che la loro posizione, la' in fondo, sia sinonimo di scarsa importanza, vi sbagliate di grosso. Questi quindici elementi, per la loro particolare luminescenza e per il loro essere superconduttori di energia, sono infatti il vero cuore pulsante dell'economia digitale, quelli senza i quali non ci sarebbero ne' gli smartphone ne' la rivoluzione digitale che hanno generato. Qualche esempio? Senza l'indio non ci sarebbe il touch screen, senza ittrio, disprio, europio, gadolino, lantanio e terbio gli schermi non sarebbero colorati. Senza il neodimio e il gadolio non ci sarebbero i microfoni per parlare e mandarsi le note vocali, senza disprosio, presedomio e terbio non ci sarebbe alcuna vibrazione.

Sono quelle che i media e la vulgata hanno ribattezzato terre rare, sebbene non siano ne' terre, ne' tantomeno rare. Per dire, il cerio e' il ventiseiesimo elemento piu' abbondante nella crosta terrestre, il neodimio e' piu' abbondante dell'oro e persino il tulio, il lantanoide meno comune in natura, e' piu' abbondante dello iodio. Il problema semmai, e' che questi materiali, come suggerisce l'etimologia del nome (lanthanein, dal greco "restare nascosto") si trovano dentro ammassi rocciosi di bastnasite e monazite e sono molto difficili da separare dal resto, date le loro proprieta' chimiche e fisiche molto simili. Problema tra i problemi: estrarli e' molto costoso, perche' e' inusuale trovarli in concentrazioni cosi' alte da giustificare un'estrazione economica. Non solo, estrazione e lavorazione delle terre rare sono molto inquinanti: parliamo di centinaia di galloni di acqua salata inquinata al minuto, dell'uso di materiali tossici per il processo di raffinazione e di scorie radioattive come scarto di lavorazione.

Non e' storia recente, quella dei lantanoidi. Sono stati scoperti a Ytterby vicino a Stoccolma, in Svezia, nel 1787. Poiche' le loro proprieta' fisiche e chimiche erano molto simili, erano difficili da separare. Per questo dopo la loro scoperta rimasero chiuse in laboratorio per anni. Ce ne sono voluti novanta prima che venissero usati per scopi commerciali. Nel 1884 le Terre Rare furono usate per la prima volta per fabbricare i mantelli a incandescenza per l'industria dell'illuminazione a gas. Il secondo uso commerciale di terre rare e' avvenuto nel 1903, quando il metallo di Misch e' stato utilizzato per fabbricare le selci che vanno negli accendini. Nel 1911 le terre rare furono aggiunte al vetro per colorarlo. Negli anni 30 la Kodak le uso' aumentare l'indice di rifrazione dei suoi obiettivi. E nel secondo dopoguerra furono i lantanoidi a permettere alle televisioni di trasmettere a colori, il neodimio a far volare i missili intercontinentali, il samario a far funzionare i reattori nucleari.

A cambiare le regole del gioco, a fare dei lantanoidi il cuore dell'innovazione tecnologica, ci ha pensato, manco a dirlo, Deng Xiaoping: "Il Medio Oriente ha il petrolio, ma in Cina ci sono le terre rare", affermo' in un discorso al Poltiburo del Partito Comunista Cinese nel 1992, quasi un lascito testamentario a Jiang Zemin e a chi sarebbe venuto dopo ancora. Merito di Xu Guanxian, padre dell'industria delle terre rare in Cina e delle migliaia di scienziati del Baotou Research Institute, grazie al quale oggi la Cina possiede tutto il know how sull'estrazione, sulla lavorazione e sull'impiego di questi materiali. Da quel momento la Repubblica Popolare ha iniziato a inondare il mercato di terre rare super economiche, estratte in miniere locali con scarsissime misure di sicurezza e ad altissimo costo ambientale, contro le quali nessun altra miniera del mondo e' stata in grado di competere, prima fra tutte quella di Mountain Pass negli Stati Uniti, principale bacino d'estrazione prima di allora. Come risultato, la Cina oggi copre l'80,4% di tutta l'offerta di terre rare del mondo, buona parte delle quali nella gigantesca miniera di Bayan Obo, nella provincia della Mongolia Interna, una specie di inferno in terra visibile via satellite, circondato da un bacino artificiale tra i piu' inquinati al mondo. Un dato su tutti: nel solo 2017, la Cina ha estratto 105.000 tonnellate di metalli delle terre rare, mentre negli Stati Uniti hanno prodotto solo 43.000 tonnellate negli ultimi 20 anni.

Non e' finita qui, pero'. Perche' e' attraverso questo monopolio di fatto sui materiali che la Cina ha costruito, pazientemente ma nemmeno troppo, la sua forza nel mercato dell'economia digitale, prima coi computer, poi con gli smartphone. Gia', perche' la Repubblica Popolare non aspirava semplicemente a essere il fornitore di materie prime, in questo grande gioco. L'anno chiave e' il 2010, due anni dopo la nascita del primo Iphone, quando la Repubblica Popolare ha deciso di tagliare del 72% anno su anno le proprie esportazioni di lantanoidi, ufficialmente per ragioni di sostenibilita' ambientale. In realta', attraverso l'offerta di materie prime a basso costo, la Repubblica Popolare ha imposto alle imprese produttrici di smartphone e prodotti elettronici di insediare le proprie fabbriche in Cina, in joint venture con un socio cinese. E una volta assorbito il know how, ha cominciato a produrre smartphone a un costo molto inferiore a quello di Apple e Samsung. Missione compiuta: Huawei e' oggi il secondo produttore di smartphone al mondo dopo Samsung e davanti ad Apple, e investe oltre il 10% del suo fatturato annuo in ricerca e sviluppo, settore in cui impiega circa il 45% dei dipendenti. Altro che minatori.

Il futuro, ancora di piu', dipende dai lantanoidi. Uno di essi in particolare, il neodimio, sta diventando una specie di pietra filosofale del ventunesimo secolo. Come ha raccontato alla Cnbc Roderick Eggert, vice direttore del Critical Materials Institute presso la Colorado School of Mines, "Il neodimio e' responsabile per buona parte della crescita della domanda di terre rare al momento". Grazie al neodimio, combinato con boro e ferro, si puo' realizzare un magnete potentissimo, ancorche' fisicamente piccolissimo. Un magnete che agli smartphone serve per vibrare, agli auricolari senza fili per trasmettere il suono, alle turbine eoliche per generare energia, ai motori delle auto elettriche per funzionare. Parliamo di un mercato che gia' due anni fa valeva 11,3 miliardi di dollari. Immaginate quanto varra' quando ci saranno milioni di veicoli elettrici in circolazione. Immaginate se la Cina usera' il suo potere di estrattore per produrre motori di auto elettriche e turbine eoliche, cosi' come ha fatto con gli smartphone.

Fin qui, tuttavia, sarebbe solo una disfida geo-economica, la storia di come l'Occidente si e' giocato la sua primazia nell'economia globale, nell'erronea convinzione che lasciare ai cinesi l'estrazione dei lantanoidi fosse una semplice riallocazione su scala globale dei processi produttivi e non invece la prima tessera a cadere di un gigantesco effetto domino. C'e' anche un enorme problema di sostenibilita' ambientale. Parliamo - sono dati del Global E Waste monitor delle Nazioni Unite, edizione 2017 - di 50 milioni di tonnellate di e-waste, pari all'1,25% di tutti i rifiuti del mondo. Problema numero uno: il 65% dell'e-waste non e' riciclato. Problema numero due: siamo dipendenti dalla Cina anche nello smaltimento dei rifiuti tecnologici, che se ne prende in carico il 70% circa. Problema numero 3: solo l'un per cento dei lantanoidi viene riciclato, aumentando di anno in anno, il predominio cinese sui materiali. E, di conseguenza, su tutta la catena del valore di questo immenso mercato.

Immenso, gia'. Perche' il problema numero 4 e' che siamo solo all'inizio. Al mondo ci sono oggi 7,5 miliardi di schede telefoniche attive, piu' delle persone: in Cina la media e' di 3 smartphone a testa, in Italia ci fermiamo a 1,4 pro capite, bambini e anziani inclusi. E' un mercato in crescita costante: ogni anno viene prodotto piu' di un miliardo di smartphone e vengono spesi circa 370 miliardi per acquistarli. Solo la Apple, a dieci anni dal lancio, ha venduto 1,2 miliardi di iPhone. Cosa succedera' quando oltre agli smartphone anche le automobili a guida autonoma saranno maggioranza nelle nostre strade, i robot domestici in ciascuna abitazione e le fabbriche intelligenti e completamente robotizzate non piu' un'eccezione? Se non devieremo dalla traiettoria attuale, saremo governati, ancora di piu', da chi possiede i materiali. E avremo un grosso problema con la loro reperibilita' e il loro smaltimento. Piu' scarsi diventano, piu' diventa costoso estrarli, piu' il potere della Cina aumenta: "Poiche' i metalli delle terre rare diventano sempre piu' scarsi e la Cina stringe la presa sull'industria mineraria, i produttori e i consumatori di tecnologia devono ripensare a come commercializzano e consumano tecnologia" - aveva avvertito Askar Sheibani, ceo della Comtek, in un suo intervento sul Guardian del 2014 -. "Come consumatori, dobbiamo rompere l'abitudine di aggiornamento e mantenere i dispositivi piu' a lungo, considerando la riparazione prima della sostituzione. E non dobbiamo dimenticare che quando la tecnologia arrivera' alla fine del suo ciclo di vita, dovra' essere smaltita in modo sicuro ed etico". Forse dobbiamo cominciare a pensarci su.
Francesco Cancellato

.LINKS.
Fonte: Perche' Le Terre Rare Sono Il Nuovo Petrolio (E La Cina Ha Gia' Conquistato Il Mondo) (di Linkiesta)
Home Page Linkiesta: http://www.linkiesta.it/
Facebook Linkiesta: https://www.facebook.com/linkiesta
Twitter Linkiesta: https://twitter.com/linkiesta

.CONDIVIDI.