Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Chi Scommette Sul Disastro (di Not)
Chi Scommette Sul Disastro (di Not) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Lunedì 16 Settembre 2019 10:00
Chi Scommette Sul Disastro
Chi Scommette Sul Disastro (di Not)

https://not.neroeditions.com/scommette-sul-disastro/

Not - NERO On Theory

Mentre i poveri vengono accusati di non preoccuparsi sufficientemente dell'emergenza climatica, i grandi gruppi finanziari e assicurativi si preparano ad approfittare della catastrofe

Nel 2010, qualche settimana dopo la poderosa alluvione di Agosto che colpi' il Pakistan, lo Spiegel dedico' un articolo di approfondimento a Munich Re, una delle piu' antiche e piu' grandi compagnie di riassicurazione al mondo. "Munich Re ha pagato le conseguenze del terremoto di San Francisco nel 1906, dell'affondamento del Titanic e degli attacchi al World Trade Center a New York".
La riassicurazione e' lo strumento che usano le compagnie di assicurazione per assicurarsi a loro volta: Munich Re e le altre societa' simili assicurano cioe' le grandi compagnie di assicurazione - come Allianz o Gothear - per la copertura di rischi che sarebbero intollerabili da sostenere persino per colossi del genere: catastrofi naturali, terremoti, tsunami, attentati.

Come scriveva lo Spiegel - con un candore che forse oggi nessuno si potrebbe piu' permettere -, le compagnie di riassicurazione sono in buona sostanza "la rete di salvataggio per il capitalismo globale".

E cosi' i database di Munich Re contengono "informazioni sui disastri gia' avvenuti, su quelli che stanno accadendo e su quelli che potrebbero accadere in futuro". Includono dati su "ogni terremoto e ogni scossa della crosta terrestre", oltre che "sull'altezza delle onde degli oceani, le temperature dell'aria e dell'acqua, la direzione e la velocita' delle correnti".

I ricercatori di Munich Re monitorano e analizzano ogni tipo di dato potenzialmente legato a un qualche rischio. "Probabilmente non c'e' nessun altro posto sulla Terra dove i rischi del mondo moderno vengono studiati piu' intensamente e dettagliatamente". L'obiettivo, pero', non e' poter ideare possibili operazioni di soccorso o di early warning per le popolazioni che verranno eventualmente colpite, ma capire dove porre l'asticella dell'azzardo per poter trarre profitto da dati e previsioni.

Scriveva sempre lo Spiegel: "l'esperienza di questa societa' rende Munich Re un'autorita' e un arbitro su quello che e' uno dei piu' grandi problemi che l'umanita' dovra' affrontare: i cambiamenti climatici".


Haiyan e PRISM

Nel Novembre del 2013 il super-tifone Haiyan colpi' le Filippine: 8000 tra morti e dispersi, piu' di un milione di case colpite - di cui 550.000 completamente spazzate via - danni stimati per 13 miliardi di dollari.

Tre mesi dopo il tifone, Munich Re e Willis Re, un'altra societa' di riassicurazione, fiutarono l'opportunita' e si presentarono al senato federale. Accompagnati da alcuni rappresentanti delle Nazioni Unite, proposero al parlamento un nuovo prodotto finanziario, PRISM - Philippines risk and insurance scheme for municipalities (curiosamente, lo stesso acronimo del programma di sorveglianza di massa dell'Agenzia per la Sicurezza Nazionale statunitense).

Come ha raccontato su Le Monde Diplomatique Razmig Keucheyan, professore di sociologia all'Universita' di Bordeaux, PRISM e' uno schema assicurativo ideato su misura per supplire alle mancanze di liquidita' nelle casse dello Stato filippino piegato dalle catastrofi climatiche e incapace di risarcire le vittime o persino di ricostruire le proprie infrastrutture. La geometria di PRISM e' tutto sommato simile a quella dei titoli spazzatura: prevede che lo Stato si metta a vendere insurance bond ai privati, titoli dal rendimento elevato e ad alto rischio. Nel caso in cui gli eventi atmosferici superino una certa entita' e gravita' prestabilita, i privati perdono tutto. Una sorta di scommessa sulla catastrofe (rischiosa anche nel senso che sin dall'inizio non era chiaro neanche da dove le Filippine avrebbero preso i soldi per pagare eventuali premi assicurativi in caso di mancati diluvi e uragani).

Ma come scrive Keucheyan, oggi, in piena crisi climatica, il legame tra assicurazioni e finanza e' sempre piu' saldo, e i titoli finanziari di trasferimento dei rischi climatici, i derivati climatici (weather derivatives) e le obbligazioni catastrofe (catastrophe bond) sono ormai ampiamente utilizzati, adottati in Messico, Turchia, Cile e Alabama (post-Katrina). Alla finanziarizzazione dei disastri Keucheyan ha dedicato una buona parte del suo La natura e' un campo di battaglia, pubblicato qualche mese fa anche in Italia da Ombre Corte. "Perche' il settore finanziario e' cosi' interessato alla natura quando la natura mostra segni di stanchezza sempre piu' chiari?".

Per rispondere Keucheyan cita Gramsci: le crisi sono sempre momenti ambivalenti per il capitalismo - se da un lato rappresentano un rischio per la sopravvivenza del sistema, dall'altro sono anche occasioni per creare nuove opportunita' di profitto. E cosi', davanti a una crisi potenzialmente letale come quella climatica, che potrebbe portare a ridiscutere le basi di un sistema non piu' sostenibile, il sistema stesso si sta riorganizzando per trovare nuovi modi di riassorbire l'emergenza senza doversi per questo mettere in discussione. Reti di salvataggio.


Stop Being Poor

Come si disinnesca questo meccanismo perverso, come si fa a evitare che l'emergenza climatica venga neutralizzata addormentandola, cercando solo soluzioni tampone che salvaguardino il sistema e rinviando ogni vera via d'uscita?

Alessio Giacometti, sul Tascabile, sottolinea bene quanto sarebbe importante prima di tutto considerare i rapporti di forza che ci hanno portato all'emergenza climatica: un passaggio senza il quale e' impensabile sperare che l'umanita' possa stringere un patto ecologico di cooperazione per governare il riscaldamento globale. Il problema, ovviamente, sta anche nel fatto che oggi crisi economiche, questioni ecologiche, rivendicazioni politiche e sociali sono ormai cosi' intimamente legate che spesso appaiono strette in un irragionevole groviglio.

Qualche mese fa, nei giorni in cui le prime manifestazioni di Fridays For Future arrivavano finalmente anche in Italia, ebbe un discreto successo un post "controcorrente" del blog di Francesco Costa che imputava a Cina, India e "paesi dell'Africa" - e in generale al "disinteresse delle grandi masse popolari" - la mancata approvazione di norme globali per la salvaguardia del pianeta.

La colpevolizzazione dei piu' poveri (in fondo le citta' piu' inquinate sono tutte nel Terzo mondo!) e' una lettura troppo facile di una realta' decisamente intricata, e' una diapositiva che non riesce a descrivere la dinamica di un film ben piu' complesso di quello che si vuole credere.

Keucheyan fa l'esempio della crisi greca. Nel Febbraio 2013, l'80% dell'inquinamento dell'aria di Atene era dovuto al riscaldamento a legna. Un anno prima il governo, in una mossa radicale per raggiungere gli obiettivi di bilancio, aveva alzato le imposte sull'energia. Una fetta consistente della popolazione - la classe media e bassa che aveva visto negli ultimi decenni calare drammaticamente il proprio reddito - aveva deciso di passare ai combustibili solidi: legna e carbone. Scaldare a legna un appartamento per i mesi piu' freddi d'inverno costa una media di 260 € contro i 1000 € del gasolio. Alle stazioni di servizio si iniziarono cosi' a vendere ciocchi di legna e sacchi di carbone, mentre qualcuno si mise ad abbattere illegalmente gli alberi di boschi e parchi fuori citta', e a volte anche quelli dei giardini comunali. La concentrazione di sostanze inquinanti nell'aria di Atene, nel 2013, supero' di 15 volte i livelli di guardia, con ovvi rischi per la salute pubblica e danni in particolare per chi, spenti i riscaldamenti centralizzati, si era affidato a stufe inefficienti e pericolose, poste in appartamenti poco ventilati.

Un piccolo disastro ecologico. Di chi era la colpa? Delle scelte di consumo poco ambientaliste a cui i cittadini si sono ritrovati costretti in piena crisi economica? Ovvio: no.

Usciamo dall'esempio greco e proviamo a trarre qualche conclusione: i paesi sviluppati sono storicamente responsabili del 79% delle emissioni di gas serra che hanno portato al riscaldamento globale. Il debito ecologico contratto dai paesi ricchi nei confronti del Sud del mondo e' alla base dei movimenti di giustizia climatica e dei tanti scontri diplomatici a cui abbiamo assistito in questi anni nelle conferenze mondiali sul clima dove, banalizzando molto, i paesi in via di sviluppo hanno lottato per ottenere qualche forma di risarcimento.

Il consumo di combustibili fossili non e' una forma di dipendenza irresistibile per l'intero genere umano, e' la conseguenza di scelte politiche e tecnologiche che hanno plasmato l'economia industriale negli ultimi duecento anni. L'impatto delle societa' umane sulla natura e' ancora connesso al reddito, e oggi i paesi piu' ricchi sono i piu' responsabili (su questo rimando di nuovo all'articolo di Giacometti). Come se non bastasse le disparita' andranno a farsi sempre piu' nette proprio a causa del riscaldamento globale, che agira' in molti casi da moltiplicatore di rischi e ineguaglianze, portando i paesi piu' poveri a una scarsita' di cibo sempre maggiore, alla migrazione di intere popolazioni, a nuovi conflitti e nuove guerre.

La crisi climatica e' destinata a farsi sempre piu' acuta e sempre piu' politica. La questione ambientale e' urgente perche' si basa su una scienza solida e condivisa, e piu' andremo avanti e piu' le conseguenze dei cambiamenti climatici saranno indiscutibili. Non sara' allora neanche piu' una questione scientifica, filosofica, o, per cosi' dire, di consapevolezza, non ci dovremmo piu' chiedere come fare a comunicare i modelli del clima che cambia, come se ne parla, come convincere gli scettici o se ha senso convertire i negazionisti. Le nuove domande saranno, e lo sono gia' adesso: come convivere con tutto questo? Quale modello di societa'? Quale futuro? Matteo De Giuli

.LINKS.
Fonte: Chi Scommette Sul Disastro (di Not)
Home Page Not: https://not.neroeditions.com/
Facebook Not: https://www.facebook.com/notNERO/
Twitter Not: https://twitter.com/NeroOnTheory
E-mail Not: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.