Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Il Partito Della Merda (di Non Si Sevizia Un Paperino)
Il Partito Della Merda (di Non Si Sevizia Un Paperino) Stampa
Varie
Scritto da sberla54   
Mercoledì 20 Novembre 2019 10:00
Il Partito Della Merda
Il Partito Della Merda (di Non Si Sevizia Un Paperino)

https://nonsiseviziaunpaperino.com/2019/11/15/il-partito-della-merda/

Non Si Sevizia Un Paperino

2017. Zaia, sulla questione migranti, tuona da un palco: "Quando il Prefetto chiama sbattiamo giu' il telefono". Il Governatore della regione Veneto pare quasi voler dire che se muoiono, non e' un problema del nordest. Non e' la prima volta, ovviamente, in cui in Veneto ci sono state controversie sul tema dell'intolleranza: vi ricordate di quando Brugnaro, Sindaco di Venezia, disse che i pride erano "una buffonata". E' lo stesso Brugnaro che, due anni dopo, disse chiaramente durante un raduno di Comunione & Liberazione: "parliamoci chiaro: il buonismo e' finito: se tu vuoi ammazzare me io mi difendo, a Venezia noi ci difendiamo." E Muraro, ve lo ricordate Muraro? "Volete portare gli uomini di colore qui per bastardare la nostra razza", diceva.

La destra, e la Lega in particolare, in Veneto negli ultimi anni s'e' fatta sentire forte e chiaro, portando avanti la retorica del "capitano" fatta di odio razziale, discriminazioni, machismo e pistole cariche. Chi semina vento, dice il proverbio, raccoglie tempesta, e all'indomani dell'inondazione che ha colpito Venezia scatta, pronta, la "vendetta" di quelli che si son sentiti dare dei "buonisti" perche' non volevano che delle persone morissero in mare, che hanno visto imputare ad amministrazioni di centro-sinistra qualsiasi tragedia o problema, da Ponte Morandi a Bibbiano, anche quando l'amministrazione non c'entrava un cazzo.

"Ben gli sta!", grida qualcuno, su internet e nei bar. "Volevate l'autonomia? Arrangiatevi!".

E io lo capisco. Cazzo, se lo capisco. Perche' e' normale pensare che un seminatore d'odio se lo meriti, di raccogliere odio quando arriva il giorno della mietitura. Pero'.

Pero' vi svelo un segreto: per quanto quelle dichiarazioni siano gravi, ho fatto un sacco di cherry picking. Perche' Zaia, pur rimanendo una persona che non voterei mai, ha per esempio anche pronunciato - in raduni cattolici - parole chiarissime a favore della 194 e del diritto all'aborto, o parole molto dure contro l'omofobia. Brugnaro, sui migranti, ha si' seguito una linea di destra (e grazie al cazzo), ma ha anche sempre cercato di puntare sull'integrazione, sulla base del principio "accogliamo solo chi riusciamo a far lavorare", che io non sono d'accordo, ho tutt'altre idee rispetto all'integrazione, ma minchia, mica ha detto di sparare sui barconi. Quello era Salvini, che col Veneto c'entra il giusto. Soprattutto, quelle dichiarazioni le ha fatte un singolo, mica tutti i suoi elettori. E men che mai tutti i suoi concittadini. Va' che da avere qualcuno sul cazzo ad avercela con tutti quelli come lui e' facile, i razzisti lo fanno di continuo.

Pero', mettendo i puntini sulle i, vi ricordate la storiaccia delle tangenti sul MOSE? Giorgio Orsoni (l'allora Sindaco di Venezia) non era mica di destra. Era stato eletto col PD. E non e' che sia stato assolto, ha patteggiato. Questo rende tutti i piddini dei tangentisti? Ma no, pero' ricordiamocelo, che Brugnaro e' li' perche' ha vinto dopo che il Comune, amministrato da anni dal PD, era stato commissariato. Ha delle responsabilita' su quello che e' successo? Non lo so, forse, non sta a me determinarlo, cosi' come non stava a me giudicare Orsoni. Soprattutto: non m'interessa, men che mai adesso. Arrivera' il momento in cui verranno fatte domande, arrivera' il momento in cui se e' colpa di qualcuno si cerchera' di individuare chi sia, ci sara' un giorno in cui sputeremo in faccia a chi ha usato il disastro per fare campagna elettorale, e verra' anche il momento in cui alla prima sparata razzista di qualche veneto gli spareremo un fiotto di diarrea direttamente in gola.
Ma non adesso, cazzo.

Adesso non stiamo parlando di Brugnaro, di Zaia o di altri politici veneti. Adesso stiamo parlando di Venezia e dei veneziani. Persone. Di tutti i colori, di tutte le estrazioni sociali, di tutti i cazzo di tipi vi possano venire in mente.

E se pur sapendo questo state, non importa se rumorosamente, sommessamente o silenziosamente, provando piacere per il disastro che ha colpito Venezia, non siete molto diversi dai razzisti che godono dei migranti che muoiono in mare. State ignorando ogni forma di empatia per delle persone - belle, brutte, buone, cattive: non lo sapete, cristo! - per vomitare odio, rabbia e rancore.

Ci sono persone, persone come me e voi, che si sono viste strappare tutto, portar via la casa, la vita, da un'implacabile onda di distruzione. Da una marea fatta di acqua e sale che corrode letteralmente tutto quello che tocca, facendo marcire il legno, rovinando pietre e metalli, guastando tessuti, rendendo ogni libro, giornale o pezzo di carta una poltiglia informe.

Chi stracazzo se ne frega di cosa votano, adesso e' il momento dell'empatia, non dei giudizi e men che mai della vendetta. Sara' che da piccolo mi e' capitato che un'onda di piena, per quanto non paragonabile per intensita' e potenza, ha allagato l'edificio dove vivevo spazzando via le mie cose e facendo de facto finire la mia infanzia, ingoiata dal fango insieme a tutti i miei giocattoli e i miei ricordi, ma porca madonna io proprio non riesco a pensare "ah, ma magari fra gli alluvionati c'e' qualche leghista, hahahah gli sta bene".

Ma gli sta bene cosa? Che cazzo vuol dire, siamo passati alla retorica del "se la sono cercata", come sbrodolavano le teste di cazzo che inveivano contro Greta e Vanessa all'indomani del loro sequestro, contro gente a caso colpita da un cataclisma? Volete davvero essere uguali a quei pezzi di merda che pensano che una vittima sia meno vittima a causa della sua provenienza, delle sue inclinazioni o delle sue idee? Ma che davero? Quanta faccia di culo ci vuole per essere empatici con una citta' solo se e' allineata alle vostre idee? Mi spiegate qual e' la differenza fra voi e quelli che vorreste avversare?

Non c'entra un cazzo l'avere in culo questo o quel partito, questo o quel politico, o sostenere un'ideologia anziche' un'altra. In queste ore stiamo parlando di persone, persone nei casini veri, che vivono il dramma di vedere la propria vita spazzata via dalla furia della natura.

Non importa il colore politico che avete scelto. Non importa la giustificazione che vi date, se e' una ritorsione, una ripicca, un punto ideologico. Non importa se pensate di avere ragione perche' ve l'ha detto qualche arruffapopolo o semplicemente perche' si', se vi hanno consigliato di odiare e avete pensato che sia una buona idea o se state solo seguendo la vostra natura di stercopitechi. Che siate bianchi, gialli, verdi, rossi, rosa o ecru', ogni volta che godete di qualcuno che soffre rinnovate l'iscrizione al Partito della Merda.

E non importa dove mettete la vostra crocetta del cazzo in cabina elettorale, finche' ad essere in maggioranza sara' il Partito della Merda, sara' solo merda, quello che otterremo.

Buon week end.
Marco Valtriani

PS: il Comune di Venezia ha appena attivato un canale per le donazioni.
Chi volesse aiutare economicamente la citta' colpita dall'inondazione puo' fare un bonifico usando i seguenti dati:
c/c intestato a: Comune di Venezia-Emergenza acqua alta
Causale: contributo emergenza acqua
IBAN: IT 24 T 03069 02117 100000 018767
BIC: BCITITMM


.LINKS.
Fonte: Il Partito Della Merda (di Non Si Sevizia Un Paperino)
Home Page Non Si Sevizia Un Paperino: http://nonsiseviziaunpaperino.com/
Facebook Non Si Sevizia Un Paperino: https://www.facebook.com/NonSiSeviziaUnPaperino

.CONDIVIDI.