Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Due Poliziotti Condannati Per I Fatti Del G8 A Genova Del 2001 Sono Stati Promossi (di Wired Italia)
Due Poliziotti Condannati Per I Fatti Del G8 A Genova Del 2001 Sono Stati Promossi (di Wired Italia) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Giovedì 05 Novembre 2020 10:00
Due Poliziotti Condannati Per I Fatti Del G8 A Genova Del 2001 Sono Stati Promossi
Due Poliziotti Condannati Per I Fatti Del G8 A Genova Del 2001 Sono Stati Promossi (di Wired Italia)

https://www.wired.it/attualita/politica/2020/11/03/poliziotti-g8-genova-promossi/

Wired Italia

I due funzionari sono Pietro Troiani e Salvatore Gava, entrambi condannati in via definitiva per il proprio ruolo nelle violenze del G8 di Genova nel 2001, ma reintegrati in servizio gia' dal 2017

Il 28 Ottobre scorso la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese e il capo della Polizia di Stato Franco Gabrielli hanno deciso di promuovere alla carica di vicequestore due agenti condannati in via definitiva per le violazioni dei diritti umani commesse ai danni dei manifestanti del G8 di Genova del 2001. I due funzionari sono Pietro Troiani e Salvatore Gava, entrambi condannati a 3 anni e 8 mesi di detenzione insieme a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici.
Troiani aveva introdotto due molotov all'interno della scuola Diaz per dare sostanza all'alibi del blitz della "macelleria messicana" portato dalla polizia (ovvero che i manifestanti si preparavano ad atti di violenza), mentre Gava ne aveva falsamente attestato il rinvenimento, appunto al fine di inscenare "una giustificazione per la sanguinosa irruzione nell'edificio e una ricostruzione da fornire ai mezzi d'informazione", come riporta Amnesty International Italia sul suo sito web.

L'assalto da parte della polizia alla scuola Diaz fu uno degli episodi piu' cruenti delle violenze commesse dalle forze dell'ordine contro i manifestanti no global che si riunirono nella citta' di Genova tra il 19 e il 22 Luglio 2001, per esprimere il proprio dissenso mentre si teneva il vertice del G8, la riunione dei capi di governo degli 8 principali paesi industrializzati del mondo. Centinaia di persone vennero picchiate e torturate per mano degli agenti, che procedettero a perquisizioni e arresti di massa illegali. La Corte dei Conti defini' la notte dell'irruzione alla scuola Diaz un effetto del "sonno della ragione", e anche la Corte europea dei diritti dell'uomo nel 2015 ha dichiarato all'unanimita' che all'epoca la polizia violo' il divieto di tortura e di trattamenti inumani o degradanti.


La questione dei numeri identificativi per le forze dell'ordine

Il direttore generale di Amnesty Gianni Ruffini ha dichiarato che "desta sconcerto il fatto che funzionari di polizia condannati per violazioni dei diritti umani restino in servizio e, anzi, vengano promossi a ulteriori incarichi", aggiungendo che sono episodi come questo che minano il rapporto di fiducia tra cittadini e forze dell'ordine. Nonostante Gabrielli avesse ammesso pubblicamente che a Genova "ci fu tortura", infatti, gia' nel 2017 aveva deciso di reintegrare gli agenti, assegnando loro dei posti apicali: rispettivamente, Troiani divento' dirigente del Centro operativo autostrade di Roma e Lazio, mentre Gava fu reso responsabile dell'Ufficio di collegamento interforze del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia (Scip) in Albania. Anche altri loro colleghi coinvolti nei fatti di Genova del 2001 hanno subito la stessa fortunata sorte di reintegro totale dopo le (poche) condanne pervenute.

Oltre alla "costante assenza di rimedi legislativi", Ruffini riconduce il problema della violenza da parte della polizia anche alla mancanza di codici identificativi per le forze dell'ordine, provvedimento che Amnesty International Italia invoca da anni per risalire agli esecutori materiali di violazioni dei diritti umani come quella di Genova nel 2001. La richiesta posta da una petizione della ong, infatti, e' quella di esporre un codice identificativo alfanumerico sulle divise e sui caschi degli agenti e dei funzionari di polizia (senza distinzione di ordine e grado) impegnati in operazioni di ordine pubblico.
Camilla Lombardi

.LINKS.
Fonte: Due Poliziotti Condannati Per I Fatti Del G8 A Genova Del 2001 Sono Stati Promossi (di Wired Italia)
Home Page Wired Italia: https://www.wired.it/
Facebook Wired Italia: https://www.facebook.com/wireditalia/
Twitter Wired Italia: https://twitter.com/wireditalia/
YouTube Wired Italia: https://www.youtube.com/user/wireditalia/

.CONDIVIDI.