Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Burzum - Varg Vikernes (di Le Foto Che Hanno Segnato Un'Epoca)
Burzum - Varg Vikernes (di Le Foto Che Hanno Segnato Un'Epoca) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Martedì 17 Novembre 2020 10:00
Burzum - Varg Vikernes
Burzum - Varg Vikernes (di Le Foto Che Hanno Segnato Un'Epoca)

http://www.lefotochehannosegnatounepoca.it/2018/03/13/burzum-varg-vikernes/

Le Foto Che Hanno Segnato Un'Epoca

Kristian Vikernes nacque l'11 Febbraio 1973 a Bergen, un normale paesino norvegese, secondo figlio di Lars Vikernes e Lene Bore. Trascorse un'infanzia normale, trasferendosi anche per un breve periodo in Iraq per motivi legati al lavoro del padre.

Durante l'adolescenza intraprese la lettura dell'opera Il Signore degli Anelli di J. R. R. Tolkien, che lo influenzo' molto nella sua successiva produzione musicale, a partire dal nome del suo progetto: Burzum, infatti, e' una parola del linguaggio nero che significa "oscurita'".

Il fantasy ed i giochi di ruolo ebbero una certa importanza anche nel suo immaginario personale; Kristian infatti, nonostante le molte amicizie, preferiva la solitudine e trascorreva le giornate passeggiando nei boschi vicino casa, utilizzando la sua fantasia per popolarli di orchi ed altre creature dell'universo tolkieniano.

Il legame con il fratello divento' piu' forte dopo la separazione dei suoi, evento che comunque non lo segno' particolarmente.
Nel 1989 fondoì la sua prima band, gli Uruk-hai. Contemporaneamente comincio' a suonare in altri gruppi, registrando diversi demo e facendosi conoscere nell'underground norvegese fino ad arrivare ad avere una fitta corrispondenza con Euronymous, leader dei Mayhem, nella speranza che quest'ultimo, possessore di una casa discografica, pubblicasse i suoi lavori.

In questo periodo, intorno al 1991, Burzum soggiornava nel retrobottega di un negozio di Euronymous e proprio in questo anno nacque la Inner circle.
Questa setta, composta appunto da Varg, Euronymous ed i frequentatori del negozio, aveva come obiettivo la distruzione di chiese e luoghi sacri del cristianesimo.
Dopo l'uscita del primo album, Burzum riscosse un'incredibile successo tanto da far preoccupare il leader dei Mayhem, il quale non gli diede la possibilita' di pubblicare un secondo album, ma l'occasione di suonare nel suo gruppo.

Da qui in poi il rapporto tra i due peggioro' fino ad arrivare alla pianificazione dell'omicidio di Varg. Quest'ultimo, dopo aver saputo del piano da alcuni suoi amici musicisti, si reco' immediatamente a casa di Euronymous armato di tre coltelli, una mazza da baseball, una baionetta ed un'ascia (a suo dire, senza l'intenzione di ucciderlo).

Le dinamiche dell'omicidio non sono chiare. Si racconta che dopo la semplice domanda di Varg "perche' vuoi uccidermi?" Fatta a Euronymous, i due iniziarono una colluttazione che termino' con la morte del leader dei Mayhem avvenuta con una coltellata inferta in pieno cranio. Il mattino dopo Burzum venne raggiunto ed arrestato dalle autorita' in seguito alle dichiarazioni di alcuni testimoni ed alle prove piuttosto evidenti, prima tra tutte, il contratto che Euronymous voleva proporre a Varg.
Fu condannato a 18 anni di carcere.

Durante la permanenza in prigione, continuo' a pubblicare album grazie all'aiuto di una giornalista musicale italo tedesca interessata ai suoi lavori.
Scarcerato nel 2009, venne poi arrestato nel 2014 in Francia, insieme alla moglie, con l'accusa di star preparando una strage.
"Ovviamente speravo che il mondo venisse distrutto in una Terza Guerra Mondiale, in modo da ripartire di nuovo e costruire un qualcosa di migliore. Quindi, mentre attendevo, suonavo la chitarra nella mia cameretta. Faccio musica perche' era troppo tardi per arruolarsi nelle SS"

.LINKS.
Fonte: Burzum - Varg Vikernes (di Le Foto Che Hanno Segnato Un'Epoca)
Home Page Le Foto Che Hanno Segnato Un'Epoca: http://www.lefotochehannosegnatounepoca.it/
Facebook Le Foto Che Hanno Segnato Un'Epoca: https://www.facebook.com/lefotochehannosegnatounepoca/

.CONDIVIDI.