Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie La "Normalita'" Della Mattanza In Carcere (di Contropiano)
La "Normalita'" Della Mattanza In Carcere (di Contropiano) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Giovedì 08 Luglio 2021 10:00
La Normalita' Della Mattanza In Carcere
La "Normalita'" Della Mattanza In Carcere (di Contropiano)

https://contropiano.org/news/malapolizia-news/2021/06/30/la-normalita-della-mattanza-in-carcere-0140321

Contropiano

Nel guardare il video dei pestaggi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere le sensazioni - in un essere umano "normale", ossia ancora capace di distinguere e capire - sono di autentico orrore.

Non c'e' infatti possibile giustificazione per tutta quella violenza arbitraria praticata da una torma di "agenti in divisa", armati di manganelli, caschi, scudi, e singoli detenuti privi di alcuna difesa.

Non si puo' neanche invocare il "pericolo" - come usano fare le polizie nei suoi rapporti su eventi che accadono "fuori", nelle strade. Pensate ad Aldrovandi, Magherini, ecc., o anche agli innumerevoli omicidi di polizia negli Usa. Una singola persona, per quanto violenti possano essere stati i reati commessi in precedenza, nulla puo' contro dieci, venti, trenta uomini addestrati e armati.

Di sicuro non puo' essere invocato il "pericolo" nel caso dell'anziano in carrozzella, bastonato ripetutamente anche lui, forse con un po' meno di violenza, perche' anche nel piu' infame balugina un attimo di incertezza sul che fare, quando - nella serialita' del pestaggio di un detenuto alla volta - scopre di star "uccidendo un uomo morto".

Nelle cronache, i giorni precedenti al pestaggio di massa, parecchie carceri erano state teatro di rivolte in seguito alla scoperta di focolai di Covid-19. Nessun agente era stato fatto prigioniero dai reclusi, nessuno era stato ferito.

Solo dopo i pestaggi, come usano fare tutte le forze di "polizia", un po' di agenti si erano fatti refertare - da medici della stessa amministrazione penitenziaria, inevitabilmente "compiacenti" - qualche giorno di prognosi per "contusioni", "stress" e malori vari. Qualche giorno di ferie, in fondo, non fa mai male. E' quasi un premio concesso dopo "l'eroica operazione".

Insomma, ad una persona "normale" puo' sembrare assolutamente inspiegabile quella mattanza indiscriminata.

Chi nella sua vita e' passato, qualche volta, tra due ali di picchiatori liberi di sfogarsi sul suo corpo, sa invece che quella e' "la normalita'" del carcere in Italia. Anche se, ovviamente, non solo in Italia.

Scrivo "la normalita'" senza alcuna intenzione di "minimizzare". Anzi, per il motivo esattamente opposto. Quello e' il carcere di tutti i giorni, quando i detenuti provano ad alzare la testa. Come dicono i "rappresentanti sindacali" degli agenti: "abbiamo ripristinato la legalita'". Questo orrore, intendo per "legalita'".

La differenza col passato sta nei video. Ora tutti possono vedere quel che accade e giudicare, soprattutto nelle strade e solo raramente in carcere.

In tutti gli altri casi - per esempio a Modena, in quegli stessi giorni - e' molto piu' facile per un magistrato frettoloso "prendere per buone" le relazioni degli agenti e dell'amministrazione. E quindi derubricare nove omicidi - nove, quasi una strage, anche se a termini di codice penale e' un "omicidio plurimo" - a "suicidi involontari".

Due parole sulla storia di questa "normalita'" sono dunque necessarie. Quello che tutti potete vedere e' quel che accade da sempre dopo una protesta, una rivolta (tecnicamente: detenuti che non tornano nelle celle, ma occupano i corridoi o i cortili, salgono sui tetti, ecc., a seconda della possibilita' di farlo).

E' quello che accadeva nei racconti anche di 60 anni fa, poi fatti diventare letteratura a disposizione di tutti dal lavoro di Sante Notarnicola.

E' quello che e' avvenuto nella caserma di Bolzaneto (non a caso "gestita" dalla polizia penitenziaria) o alla scuola Diaz, a Genova 2001. E non riguardava "detenuti pericolosi", ma normali manifestanti, persino dell'organizzazione cattolica Mani Tese (nel senso di "dare aiuto").

E' quello che e' accaduto a Trani, nel 1980, dopo la rivolta per ottenere la chiusura dell'Asinara - in combinazione con il sequestro del giudice D'Urso.

Anche li', dopo l'intervento delle "teste di cuoio", i carabinieri del Gis, i prigionieri furono portati sul tetto, costretti a sdraiarsi sotto la minaccia dei mitra, con le mani sul bordo mentre venivano scalciati da dietro, verso il vuoto.

Anche li' il lungo percorso - dal tetto, "terzo piano", fino ai cortili - tra due ali di "agenti della polizia penitenziaria" che manganellavano come ossessi.

Quel che c'e' di differente, rispetto ad allora, sono i rapporti di forza, politici e sociali, certo, ma anche militari. Le mattanze nelle carceri provocavano vasta indignazione sociale, e non solo nei settori "di movimento" piu' sensibili al tema.

Esistevano ancora gli "ambienti democratici" (al contrario di oggi), vasti aggregati di opinione pubblica che pretendevano dallo Stato un comportamento corrispondete al dettato costituzionale. Si potevano contare decine di parlamentari pronti a fare interrogazioni, chiedere dimissioni, ottenere interviste. Decine di cantanti, intellettuali, persino qualche giornalista, che prendevano parola e alzavano la voce. De Andre', ma non solo lui... (inutile ricordarlo a Fabio Fazio, lo censurerebbe...)

Ed anche sul piano militare, le cose stavano in modo tale che anche i piu' fanatici tra gli addetti alla repressione preferivano centellinare quelle esibizioni di violenza cieca. La morte del generale Galvaligi, per esempio, a 48 ore dalla violenta repressione della rivolta di Trani, di cui era stato guida operativa, era un episodio dentro una dinamica di scontro effettivo, se non proprio di guerra.

La "normalita'" di quelle mattanze tornò più tardi, dopo la fine della lotta armata comunista. A rapporti di forza ristabiliti, ovviamente a favore del potere, non ci furono piu' limiti.

Fu istituito il Gom (Gruppo operativo mobile), composto di agenti specializzati nei pestaggi (non tutti sono disponibili, bisogna ricordare), selezionati in vari carceri e pronti all'uso la' dove serve.

Una "pensata" del generale Ragosa - il primo ufficiale delle guardie penitenziarie ad ottenere quel grado - approvata a fatta sua da Oliverio Diliberto, forse l'espressione peggiore dei presunti "comunisti" che si erano "fatti Stato".

Quel gruppo inaugurava - per cosi' dire - ogni nuovo carcere, speciale e non, dopo la costruzione o una ristrutturazione. E stabiliva l'imprinting nel rapporto tra guardi e detenuti. Pestaggi sistematici, perquisizioni continue, telecamere nelle celle, arbitrio totale e copertura integrale da parte del governo.

E dunque anche dei media.

Quella "normalita'", per essere capita, va confrontata con la "banalita' del male". Con quel percorso di disumanizzazione che va oltre il rapporto di guerra - tra combattenti ci si ferisce uccide, ovviamente - e diventa "atteggiamento impiegatizio". Come nei lager, gli aguzzini si sentono pienamente nel giusto, legittimati dall'"ordine superiore", moralmente deresponsabilizzati dall'"obbedire".

Con in piu' - nel caso delle carceri italiane - quel tanto di "privatizzazione del comportamento repressivo" che si alimenta di spirito corporativo, lamentazioni da "usciere ministeriale", vittimismo paraculo, fancazzismo prepotente.

La normalita' dell'orrore quotidiano dice su questo paese piu' di quel che si puo' descrivere nel piu' perfetto dei saggi. Guardate e almeno immaginate l'audio. Capirete meglio.
Francesco Piccioni

.LINKS.
Fonte: La "Normalita'" Della Mattanza In Carcere (di Contropiano)
Home Page Contropiano: http://contropiano.org/
Facebook Contropiano: https://www.facebook.com/contropiano/
Twitter Contropiano: https://twitter.com/contropiano/
E-mail Contropiano: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.