Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Varie Il Trasferimento Dell'Estate - Borja Valero Al Lebowski (di DailyBest)
Il Trasferimento Dell'Estate - Borja Valero Al Lebowski (di DailyBest) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Venerdì 17 Settembre 2021 10:00
Il Trasferimento Dell'Estate - Borja Valero Al Lebowski
Il Trasferimento Dell'Estate - Borja Valero Al Lebowski (di DailyBest)

https://www.dailybest.it/society/il-trasferimento-dellestate-borja-valero-al-lebowski/

DailyBest

Il trasferimento del centrocampista spagnolo alla piccola squadra ad azionariato popolare di Firenze e' la prova che i milioni, nel calcio, non riusciranno mai ad uccidere il romanticismo

Le lacrime di Messi passato al PSG per uno stipendio da 71 mln a stagione avevano lasciato intravedere un barlume di umanita' nel volto del 6 volte Pallone d'oro. Dietro ogni grande professionista si nasconde pur sempre una persona: vent'anni di vita non si cancellano con un contratto da nababbo. Lacrime di coccodrillo diranno in molti.
Persino l'approdo di Cristiano Ronaldo a Manchester, nelle piu' recondite stanze della nostra mente, non ha potuto che smuovere una certa nostalgia. Dietro la scelta del numero 7 piu' famoso al mondo, che ha optato per un ritorno allo United, sicuramente si celano mosse ben piu' ponderate e ciniche: l'incompatibilita' con Guardiola, l'impossibilita' di accettare il ruolo di secondo elemento in rosa per fascino e talento (vedasi Jack Grealish), l'eventualissima possibilita' di trovarsi Sir Alex Ferguson sotto casa. Il portoghese, in effetti, dedichera' il suo ritorno proprio all'allenatore scozzese, un'operazione simpatia - per re-instaurare un legame mai veramente venuto meno con il popolo dei Red Devils - probabilmente pianificata ma capace di mantenere vivo l'ultimo barlume di romanticismo nel circuito sempre piu' capitalista dello sport odierno. Nell'estate piu' folle, a livello di mercato, che la storia del calcio abbia mai registrato, il piu' importante trasferimento non ha sicuramente coinvolto societa' altisonanti o ingenti somme monetaria.

Parlare di Borja Valero scindendo il calciatore dall'uomo e' praticamente impossibile. E parlare di un uomo vuol dire innanzitutto parlare della sua storia. Borja Valero Iglesias, figlio di operari, nasce e cresce a Hortaleza, un sobborgo popolare di Madrid, e come da convenzione inizia a tifare la piu' grande squadra della capitale. Una trama gia' scritta, di quelle che si ripetono uguali a ogni latitudine del mondo: il figlio dell'emigrato dal sud Italia nato a Torino che inizia a tifare Juventus e cosi' via... Il rapporto con la camiseta blanca pero' rimarra' travagliato. Con il Real Madrid il centrocampista spagnolo compira' tutta la trafila delle giovanili - emergendo da la Fabrica, la cantera dei blancos, un nome che sembra rimarcare ancor di piu' la storia proletaria del calciatore - riuscendo anche ad esordire in prima squadra ma senza mai a calcare il manto verde del Bernabeu, lo stadio che frequentava con suo padre da bambino. La natura dei galacticos sembra non potersi conciliare con l'animo mite di Borja, troppo "normale", nel fisico, calvo e smunto da impiegato, come nello spirito.

Con la nazionale spagnola non andra' meglio, dopo aver vinto un europeo under 19 (unico trofeo internazionale della sua carriera) da protagonista (segnando un gol decisivo nella finale contro la Turchia che lasciava presagire a un futuro ben piu' roseo), Borja Valero non ha piu' indossato la maglia delle furie rosse (se non in un paio d'improbabili amichevoli). Borja Valero e' semplicemente stato stritolato dalla piu' grande generazione di centrocampisti spagnoli mai esistita - da Fabregas a Xavi, da Busquets a David Silva - ma ammettiamolo, avrebbe sicuramente meritato un posto in rosa nelle diverse selezioni iberiche. Borja Valero non e' stato escluso per meriti sportivi, e' stato accantonato perche' nella sua carriera sembra aver preferito compiere sempre passi indietro. Una versione cult di Iniesta, forse un po' meno forte e un po' piu' calva, ma ancor piu' sensibile e umana. Se il talento del numero 8 dei blaugrana era cosi' smisurato da permettere a Don Andres di costruirsi una grande carriera a Barcellona, la "normalita'" di Borja Valero e' proprio l'aspetto che dona quel fascino fuori dal tempo al suo calcio. Un calcio che, inevitabilmente, non poteva che trovare la propria realizzazione sportiva e personale lontano da grani palcoscenici delle grandi citta', nella patria dell'umanesimo, a Firenze.

Nel capoluogo toscano - dove passera' 6 stagioni per poi tornare con l'aspetto di un naufrago dopo l'esilio interista - Borja Valero diventera' il sindaco, un soprannome che indica il rapporto che lega il numero 20 della Viola, ancora prima che con la maglia, con la citta' e la sua gente, anteponendo ancora una volta la sua figura umana a quella di sportivo. Borja Valero, lo dicevamo, ha fatto della normalita' la sua specialita', preferendo la velocita' di pensiero a quella delle gambe, la forza delle idee a quella del corpo, nel calcio come nella vita, esaltando l'aspetto piu' celebrale del suo gioco (o forse sarebbe meglio dire riflessivo) sino a trasformarlo in un vero e proprio mantra esistenziale (che trova pienamente riscontro nel suo look da filosofo-santone). I fantallenatori spesso gli rimproveravano facesse pochi gol, quest'aneddoto sublima l'idea di Borja Valero come calciatore, un giocatore a servizio della squadra, che non cerca glorie personali. Un uomo sempre capace di fare un passo indietro.

A 40 anni, ormai fuori anche da quella che potremmo definire la fase discendente della sua carriera, Borja Valero e' un centrocampista che avrebbe potuto scroccare qualche milione in improbabili campionati arabi e statunitensi o, perche' no, giocarsi le proprie carte a servizio di qualche squadra minore della seria A alla ricerca disperata di qualita' a centrocampo. In fondo, la corsa non e' mai stato il punto focale del suo gioco. Al suo approdo al Villareal il regista spagnolo ha vissuto un periodo di forte depressione, non era abituato alle pressioni, ma soprattutto alle attenzioni, del calcio professionistico, l'adesione ad una squadra di dilettanti significa rinunciare a tutto quel che fa da contorno allo sport per concentrarsi esclusivamente sul suo aspetto essenziale: il gioco. ll Lebowski non e' solamente una realta' di culto (il nome prende ispirazione dal film dei fratelli Cohen) e' il primo grande esperimento di azionariato calcistico popolare italiano che tenta di sottrarsi alle logiche capitalistiche del business sportivo, una squadra dove l'ultimo dei tifosi conta quanto il presidente e i calciatori, dove Borja Valero puo' sentirsi magnificamente uno dei tanti.

Un team che gli permette di chiudere la carriera a Firenze, dove rimarra' il sindaco per la viola curva Fiesole per la grigio-nero Moana Pozzi. L'ultimo splendido passo indietro di un calciatore unico.
Marco Beltramelli

.LINKS.
Fonte: Il Trasferimento Dell'Estate - Borja Valero Al Lebowski (di DailyBest)
Home Page DailyBest: http://www.dailybest.it/
Facebook DailyBest: https://www.facebook.com/Dailybest.it/
Twitter DailyBest: https://twitter.com/DailyBestNet/
E-mail DailyBest: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.