Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

VegFacile - Go Vegan!

Vegan Riot: la Rivoluzione ai Fornelli dal 2005!
Home Articoli Varie Perche' I Fascisti Odiavano La Pastasciutta (di Collettiva)
Perche' I Fascisti Odiavano La Pastasciutta (di Collettiva) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Mercoledì 27 Luglio 2022 10:00
Perche' I Fascisti Odiavano La Pastasciutta
Perche' I Fascisti Odiavano La Pastasciutta (di Collettiva)

https://www.collettiva.it/copertine/italia/2022/07/25/news/perche_i_fascisti_odiavano_la_pastasciutta-2249284/

Collettiva

Il gesto dei Fratelli Cervi che il 25 Luglio la offrirono ai loro compaesani per festeggiare la caduta del regime nacque dall'ostilita' del Duce per un piatto che divenne simbolo di italianita' nella comunita' degli emigrati in America

Da una decina d'anni, la "pastasciutta antifascista" e' probabilmente la manifestazione piu' diffusa dell'antifascismo italiano. Sempre piu' Comuni del nostro paese nei dintorni del 25 Luglio celebrano collettivamente il gesto che nel 1943 fece la famiglia Cervi a Campegine, nel Reggiano per festeggiare la caduta del fascismo.
Alla notizia della destituzione e dell'arresto di Mussolini, i Cervi offrirono quintali di pastasciutta (rigorosamente in bianco, come si mangiava allora) ai propri compaesani. Purtroppo il fascismo rinacque dalle proprie ceneri e durante i mesi terribili della Repubblica di Salo', i sette fratelli Cervi - Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio ed Ettore - partigiani, pagarono con la vita l'adesione alla Resistenza e il loro amore per la liberta', trucidati dai fascisti.

Alberto Grandi, professore di Storia dell'alimentazione all'Universita' di Parma, autore insieme a me di un podcast molto seguito: Doi - Denominazione di origine inventata, disponibile su tutte le piattaforme), illustra i motivi per cui il fascismo osteggiava la pasta.

"Il rapporto tra il fascismo e la pastasciutta era stato conflittuale ancor prima della Marcia su Roma - spiega il docente -. Lo stesso Mussolini, romagnolo di nascita, probabilmente era poco avvezzo al consumo di pasta, come quasi tutti gli italiani - esclusi i napoletani e i siciliani - fino alla prima guerra mondiale. Proprio nel primo dopoguerra, pero', mentre il fascismo inizia la sua lenta ma inesorabile conquista del potere, gli italiani scoprono la pasta e se ne innamorano. La scoprono in America, dove le varie comunita' italiane, cosi' distanti nella madrepatria, si mescolano e creano una cultura nazionale che in Italia ancora non esiste. La pasta, in qualche modo, ne diventa il simbolo, e automaticamente viene associata al sogno americano".

Tutto questo spiega in buona misura l'ostilita' del regime fascista che negli anni Venti considerava la pasta una sorta di moda americana di importazione, lontana dal ruralismo alla base dell'ideologia di regime. L'ostilita' si fece via via piu' concreta soprattutto dopo il 1925, aggiunge Grandi, quando venne lanciata la famosa "Battaglia del grano", che aveva lo scopo di far raggiungere all'Italia l'autosufficienza cerealicola. La pasta era un problema da questo punto di vista, dato che il grano duro per produrla e' sempre stato coltivato in quantita' insufficiente nel nostro Paese. Quindi meno pasta mangiavano gli italiani e meno grano duro si doveva importare.

Infine ci si misero anche i futuristi, in particolare Filippo Tommaso Marinetti, che nel 1931 cosi' si esprimeva nel Manifesto della cucina futurista: "A differenza del pane e del riso, la pastasciutta e' un alimento che si ingozza, non si mastica. Questo alimento amidaceo viene in gran parte digerito in bocca dalla saliva e il lavoro di trasformazione e' disimpegnato dal pancreas e dal fegato (...). Ne derivano: fiacchezza, pessimismo, inattivita' nostalgica e neutralismo".

Gli sforzi propagandistici si scontrarono pero' con una passione incontenibile degli italiani per la pasta. La vicenda dei fratelli Cervi ci dimostra che in qualche modo la pastasciutta era considerata da sempre un simbolo di liberta': un piccolo, silenzioso e quotidiano gesto di resistenza nei confronti del Regime, il cui consenso era solo apparentemente monolitico.
Daniele Soffiati

.LINKS.
Fonte: Perche' I Fascisti Odiavano La Pastasciutta (di Collettiva)
Home Page Collettiva: https://www.collettiva.it/
Facebook Collettiva: https://www.facebook.com/collettiva.it/
Twitter Collettiva: https://twitter.com/collettiva_news/
YouTube Collettiva: https://www.youtube.com/c/Collettiva/
E-mail Collettiva: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.