Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Anarchia Anarchia e Violenza (Dissociazioni e Critiche) (di Informa-Azione)
Anarchia e Violenza (Dissociazioni e Critiche) (di Informa-Azione) Stampa
Anarchia
Scritto da neropresente   
Martedì 22 Maggio 2012 05:01
Resist rebel revolt
Anarchia e Violenza (Dissociazioni e Critiche) (di Informa-Azione)

http://www.informa-azione.info/dissociazioni_e_critiche_uno_spunto_di_riflessione

Informa-Azione - Controinformazione e lotta alla repressione

Nel movimento anarchico internazionale l'uso della violenza ha sempre creato divisione, e sollevato vespai di polemiche spesso accompagnate da scomuniche, che in certi casi sono sfociate addirittura nella delazione.
Tuttavia le divergenze nascono sui tempi e sui modi, ne' da una parte ne' dall'altra infatti si e' mai arrivati a escludere in termini categorici il ricorso alla violenza.
Ma questa impostazione del problema non fa che accrescere la confusione. Chi decide, e con quali criteri, della bonta' dei tempi e dei modi nell'uso della violenza?
C'e' chi sostiene che soltanto in una situazione preinsurrezionale, con le masse sul piede di guerra, ha senso utilizzare la violenza. Sara' anche vero. Ma non mi sembra che ci sia qualcuno in grado di stabilire con assoluta certezza, quando una situazione e' preinsurrezionale e quando invece non lo e'.
E poi trovo assurda, autoritaria, ridicola, questa pretesa di voler annullare l'individuo per sottometterlo alla "volonta' popolare", a questa astrazione che richiama alla mente la "volonta' di dio".
Se voglio compiere un'azione individuale, non vado certo a chiedere il permesso alle masse. Anche perche' non mi risulta che le masse abbiano preso accordi con gli anarchici sulla data della rivoluzione. Ne' mi risulta che lo Stato abbia momentaneamente rinunciato alla sua violenza scientificamente organizzata affinche' gli anarchici abbiano il tempo necessario per riuscire a convincere le masse a sollevarsi.
E allora sta a noi – soltanto a noi – decidere quando e come colpire il nemico, quando e come rispondere agli attacchi dello Stato. Perche' l'oppressione e lo sfruttamento sono un dato costante, non occasionale. E non basta una maschera democratica e permissiva a celare questa realta', e a far dimenticare che una minoranza criminale che detiene il monopolio della violenza, ha potere di vita e di morte su tutti noi.
Confesso che faccio sempre piu' fatica a comprendere le ragioni della divisione esistente nel Movimento sulla questione della violenza, non foss'altro perche' non conosco nessun anarchico critico su questo punto, che nell'esercizio della violenza verbale non sia bravo e feroce almeno quanto coloro che non la pensano come lui.
Ma chi spara a zero contro padroni, politicanti, giudici, sbirri, preti, scienziati e quant'altro, deve essere cosciente anche del fatto che c'e' sempre qualcuno che lo prende alla lettera e agisce di conseguenza.
Chi soffia sul fuoco poi non puo' cavarsela dicendo "e' stato tutto uno scherzo". Perche' nella violenza verbale, e' bene che si sappia, e' implicito il suggerimento a colpire le persone e le cose di cui si fanno i nomi. In caso contrario, la scrittura e le parole diventano un surrogato dell'azione; uno sfogo alle proprie frustrazioni; un inno cantato a squarciagola alla propria impotenza. Ma io non voglio pensare che la violenza verbale che tracima da tutti i giornali anarchici esistenti sia soltanto un fiume di bile sulle cui acque galleggiano anime morte.
Una cosa pero' deve essere chiara: i discorsi queruli contro chi fa uso della violenza, fatti da coloro che amano cimentarsi solo nella violenza verbale, sono fastidiosi e meschini, e fanno sorgere negli altri il legittimo sospetto che siano dettati soltanto dall'istinto di conservazione, lo stesso che spinge a decretare l'isolamento nei confronti di coloro che hanno posizioni ritenute devianti e pericolose rispetto alla "linea" del movimento ufficiale.
Ma costoro evidentemente non sanno che esiste anche un modo intelligente, ed eticamente ineccepibile, di dissentire con chi si serve anche della violenza. Basta tacere. Ecco tutto. Cosi' non si corre nemmeno il rischio di cadere nella delazione, che tale rimane anche quando la si vuole far passare per "posizione diversa".
Intendiamoci bene. Non sto dicendo che chi non approva l'uso della violenza nei tempi e nei modi che secondo lui sono sbagliati, deve astenersi dal manifestare pubblicamente questa sua opinione. Ma una cosa e' esprimere i motivi del proprio dissenso in maniera ragionata e perfino polemica, altra cosa e' dissociarsi pubblicamente, attraverso comunicati da cui traspare la presunzione di sapere quando e' giusto ricorrere alla violenza, e scritti con l'aria di chi sembra aver preso appuntamento con la Rivoluzione.
Ma cosa c'e' che non va nell'avere un'opinione diversa da chi si serve di metodi che non si condividono e manifestarla pubblicamente? Osservo' una volta un compagno, per niente stupido.
Benedetta ingenuita'! La dissociazione non e' mai "un'opinione diversa". Perche' se e' vero che gli sbirri non possono sapere tutto di tutti, perche' per fortuna ancora non sono arrivati a leggere nel pensiero, e' anche vero che, grazie al loro normale lavoro di investigazione e di controllo, e grazie alla lettura dei nostri giornali, hanno acquisito una conoscenza abbastanza chiara e precisa, sia sulla natura dei rapporti e dei contatti tra i gruppi e le individualita' operanti nelle diverse realta' di movimento, sia sul modo di porsi degli stessi rispetto all'uso della violenza.
Cosa c'entra questo col discorso che stiamo facendo? C'entra, c'entra... Se in una qualsiasi citta' viene compiuta un'azione rivendicata da anarchici e qualcuno fa un comunicato di dissociazione, per le ragioni di cui sopra, cio' equivale a dire alla polizia: "Non siamo stati noi, andate a cercare dall'altra parte...", vale a dire tra quei gruppi e individualita' che non si dicono contrari alla violenza.
Come si vede, si puo' essere delatori anche in buona fede. Ma chi lo fa si assume comunque una grave responsabilita': quella di dare i compagni in pasto alla repressione.
Antonio Gizzo
[testo tratto da: "The Angry Brigade, 1967 – 1984. Documenti e cronologia", Edizioni "Il Culmine"/GAS – Infinita, aprile 1995, s.l.]

.LINKS.
Fonte: Dissociazioni e critiche - Uno spunto di riflessione (di Informa-Azione)
Home Page Informa-Azione: http://www.informa-azione.info/

.CONDIVIDI.