Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Anarchia Comunicato Di Sghigno Dal Carcere Marassi Di Genova
Comunicato Di Sghigno Dal Carcere Marassi Di Genova Stampa
Anarchia
Scritto da Sghigno   
Sabato 07 Luglio 2012 05:00
Comunicato Di Sghigno Dal Carcere Marassi Di Genova
Prigione di Genova 20° giorno di isolamento - 2 Luglio 2012
Terrorista? Ideologo? Studente? Promotore? Seguace? Filosofo?
Ecco una breve lista di categorie ed etichette pronte all'uso e vomitate in fretta dallo stato e dai suoi mass-media.
Tuttavia, definirmi e' un compito che, se pur necessario, spetta solo al sottoscritto.
Prima di tutto, in quanto individualita' anarchica, solo io posso giudicare e valutare cosa faccio e come agisco. Posizionandomi all'interno di un conflitto costante nei confronti dell'intero esistente, rivendico la mia autonomia di pensiero e di giudizio e rifiuto ruoli di guida o di gregario, di promotore o di seguace di qualsiasi esperienza anarchica collettiva o organizzata. Negli ultimi tempi mi sono impegnato a tradurre e a diffondere testi, lettere, contributi, comunicati, opuscoli e cronache giudiziarie dei tanti compagni e delle tante compagne prigionieri/e nel mondo. Tutto cio' che ho fatto l'ho realizzato dapprima per me stesso, in quanto interessato a conoscere le realta' anarchiche e rivoluzionarie nel mondo, e anche per diffondere queste esperienze nel contesto italiano.
La mia volonta' di impegnarmi in questa attivita' editoriale non e' stato di certo un compito impartitomi o un ruolo da espletare all'interno di alcun gruppo, bensi' e' stata la concretizzazione di un sentire individuale.
Pertanto, in merito a quanto attribuitomi dai repressori togati e non, ritengo fondamentale mettere al primo posto la mia coerenza, rigettando ruoli e appartenenze che nulla hanno a che fare con la mia individualita' e con la mia attivita' editoriale. Eppure quanto successo non mi stupisce, infatti vanno aumentando i tentativi di costruire teoremi accusatori sui cosiddetti "reati associativi", si pensi ai recenti casi italiani o esteri, per far fronte ai crescenti attacchi sferrati contro il dominio.
Sono esemplificativi il "caso bombas" in Cile o le svariate costruzioni in Grecia di presunti gruppi terroristi anonimi, pretesti per usare leggi ad hoc ed imprigionare anarchici e anarchiche che spesso neanche si conoscono tra di loro. Lo stato, attaccato in modo imprevedibile, cerca istericamente di attuare la propria vendetta, colpendo i suoi oppositori mediante pressione giudiziaria e l'uso strumentale dei mezzi di informazione. La repressione si somma alle dure condizioni di prigionia riservate ai nemici di sempre, l'isolamento diventa una pratica sistematica mirata all'annichilimento del prigioniero o della prigioniera. Cosicche' neanche in carcere si corra il rischio che il virus dell'insubordinazione e dell'ammutinamento si diffonda. Quanto accaduto il 13 Giugno dimostra la volonta' di colpire anche compagni gia' prigionieri da anni, aggravandone cosi' il carico di processi ed allontanandone la liberta', tentando di delineare intesi e affinita', per quanto mi riguarda, anche con individualita' che neanche si conoscono.
Inoltre, sempre per ribadire la mia irriducibile individualita' e la natura della mia attivita' editoriale, non posso accettare la definizione di "istigatore", ruolo che minerebbe tanto la mia autonomia quanto quella dei tanti compagni anarchici che prendono parte al dibattito anarchico multiforme nel mondo. Tra individualita' ben consapevoli del proprio io non c'e' bisogno alcuno di istigare alcunche'.
Ogni anarchico e ogni anarchica, grazie alla progressiva riappropriazione di se, e' di certo capace di discernere e di plasmare le proprie idee e azioni in modo individuale senza alcun bisogno di essere spronati o indirizzati.
Ho ritenuto importante scrivere tutto cio' per manifestare le mie posizioni tanto a chi sta fuori quando ai miei coaccusati, presentandomi in modo che anche chi non mi conosce possa relazionarsi con me se lo desidera. Non sara' sicuramente la prigionia o l'isolamento al quale sono sottoposto a farmi rinnegare la mia identita' o svalutare quanto ho realizzato, il dominio non avra' la mia resa. Questa prigionia politica sara' un'occasione per rafforzare la mia coerenza e la mia dignita', sapendo che tanti nemici dell'esistente sono dalla mia parte. So di non essere da solo!
Mando affetto e forza a tutti i miei coaccusati, anche se non ho mai scambiato uno sguardo con molti di voi, sono certo che e' lo stesso fuoco a illuminare i nostri occhi! Esprimo la mia solidarieta' ai prigionieri membri della cospirazione delle cellule di fuoco nuovamente attaccati dalle autorita' italiane, tenete duro come avete fatto finora! Sempre a testa alta!
Onore a tutti i compagni e le compagne caduti/e seguendo il cammino multiforme dell'anarchia!
Solidarieta' a tutti i prigionieri anarchici nel mondo tenuti in ostaggio nelle segrete delle democrazie!
Lunga vita all'anarchia!
Giuseppe Lo Turco - Individualita' anarchica prigioniera.

.RASSEGNA STAMPA.
Op. Ardire - Aggiornamenti E Cassa Di Solidarieta' Per Prigionieri/e
Op. Ardire - Comunicato Di Stefano Fosco Dal Carcere Di Pisa (Informa-Azione)
Op. Ardire - Contatti Compagne E Compagni Prigionieri (Informa-Azione)
La Nuova Inquisizione Caccia Agli Anarchici (Punk4Free)
Operazione Ardire - Arresti E Perquisizioni In Tutta Italia (Informa-Azione)
Anarchici Informali, Arresti In Tutta Italia "Vicini Al Gruppo Che Sparo' Ad Adinolfi" (La Repubblica)
Terrorismo, Operazione Del Ros Contro Gli Anarchici. Arresti In Tutta Italia (Corriere della Sera)

.CONDIVIDI.