Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Anarchia Lettera Di Sghigno Dal Carcere Di Alessandria
Lettera Di Sghigno Dal Carcere Di Alessandria Stampa
Anarchia
Scritto da Sghigno   
Sabato 15 Settembre 2012 05:00
Sotto un cielo di sbarre
"Siamo tutte e tutti carcerati, poiche' una societa' che ha bisogno del carcere, di rinchiudere ed escludere, e' essa stessa carcere. Ma non sara' mai incarcerabile la gioia del sogno della liberta' dai padroni e dalle loro galere, la gioia di una solidarieta' in lotta"
Marco Camenisch

Si dice che lo stolto, invece di puntare gli occhi sulla luna, si soffermi a rimirare il dito che la indica. Eppure, senza voler giustificare lo stolto o reputarmi tale, credo sia difficile alzare lo sguardo al cielo quando questo non fa che coprirsi sempre piu' di sbarre. Dire cio' potra' sembrare scontato dato che la luna, da dove mi trovo adesso, posso solo immaginarla ma le sbarre di cui parlo non caratterizzano solo la prigione bensi' sono parte integrante, sotto varie forme, dell'intero dominante che ammorba l'esistente. Una volta squarciato quel velo che per qualcuno era di Maya, il confine tra la cosidetta realta' sociale e quella carceraria si dissolve svelando la vera natura del contesto nel quale, piu' o meno volentieri in base al grado di consapevolezza individuale, si vive.
Nel corso di questi quasi tre mesi di prigionia, trascorsa in isolamento per una cinquantina di giorni, molte analogie tra societa' e prigione mi sono apparse in modo ancora piu' nitido.
Per cominciare, e' facile notare le corrispondenze tra il controllo costante operato dal dominio e riservato ai suoi nemici all'interno della societa', o ad intere categorie di individui, e quello oltremodo manifesto previsto per i detenuti all'interno delle prigioni.
Da un lato pedinamenti, intercettazioni e sistemi tecnologici di sorveglianza, dall'altro la limitazione fisica della "liberta'" concretizzata da carceri, guardie e analoghi strumenti di controllo. Processi e tecniche di spersonalizzazione supportati da precise strategie e coadiuvati all'occorrenza di sostanze pronte all'uso, mirati all'annichilimento dell'individuo esistono tanto "dentro" quanto "fuori"; il rischio di diventare succubi dell'omologazione democratica fa il palo con quello, per il detenuto, di ridursi alla stregua di un numero.
Tanto la prigione quanto la societa' si fondano sulla creazione e il consolidamento di ruoli e gerarchie oltre che sulla necessita' di espropriare l'individuo di ogni autonomia. Finendo col soccombere a tutto cio', spesso senza neanche una accennata resistenza, la maggioranza degli esseri umani, ricorrendo a cicli continui di deleghe, ha rinunciato a qualsiasi influenza diretta sulla conduzione della propria vita. Non e' un caso che proprio la delega, in prigione, sia l'unico modo, a voler seguire la norma, per formulare richieste, anche le piu' banali, cosicche' il detenuto possa avvertire nettamente la perdita di ogni possibile autodeterminazione. Non riscontro rilevanti differenze neanche tra l'ossessione securitaria metabolizzata dal cittadino, magari euforico spettatore (o speranzoso aspirante concorrente) dello spettacolo mediatico incentrato sullo sbirciare televisivi buchi delle serrature, e quella insita nel funzionamento della prigione (ogni riferimento alle perquisizioni corporali, ad altre pratiche umilianti e agli spioncini posti nei bagni non e' assolutamente casuale).
Inoltre, volendo sfatare ogni "prigionierismo", deludendo chi ancora crede nel binomio detenuto-ribellione, ritengo che dinamiche di servitu' volontaria contraddistinguono tanto la massa dei "liberi" quanto quella dei prigionieri. I primi, sempre piu' subordinati ad ogni manifestazione del potere, finiscono con il diventare gendarmi di se stessi e delatori delle condotte altrui; i secondi, talvolta, non avvertono neanche il bisogno di mettere in discussione la prigionia alla quale sono costretti, e se ne hanno modo, capita pure che alcuni diventino collaboratori dei propri aguzzini.
Le citta' cosi' come le prigioni, seppur teatri di forti contraddizioni, sono impregnate di una remissivita' sempre piu' radicata e gli individui, prigionieri o no, in conflitto con l'esistente sono una minoranza combattiva e consapevole del reale stato di cose. Il grigiore delle mura di cinta ha la stessa sfumatura dei palazzi nelle citta', sono proprio queste infatti, ad essersi trasformate in carceri sempre piu' sicure. Lager per "stranieri" e manicomi, oltre alle ordinarie strutture detentive, esistono grazie alla simbiosi con modelli di vita finalizzati al mantenimento dello status quo.
Proprio ora che efficienza e funzionalita' sembrano essere diventate i presupposti dell'attuale condizione di prigionia generalizzata, la riappropriazione di se stessi e la riscoperta della propria irriducibile individualita' diventano la genesi dell'insubordinazione. Avere nel cuore il desiderio che questo mondo crolli una volta per tutte e' l'utopia che spinge tanti individui e gruppi, consapevoli che ogni aspetto dell'esistente e' attaccabile, a concretizzare l'azione multiforme anarchica. Solo cosi' anche la solidarieta' diventa sinonimo di azione diretta evitando il rischio di ridursi ad una parola come tante altre.
A tal proposito, concludo col pensiero rivolto al compagno anarchico messicano Mario Lopez, rimasto gravemente ferito durante un attacco contro delle strutture, che recentemente ha ribadito "la solidarieta' e' la nostra arma migliore". Sono gli attacchi anarchici, che imprevedibili si susseguono giorno dopo giorno in tutto il mondo, a dare la conferma alle sue parole e ad infiammare i cuori dei prigionieri e delle prigioniere anarchici/che.
Invio un caloroso saluto ai prigionieri membri della CCF sotto processo per il caso Halandri e la mia solidarieta' agli indagati e alle indagate a seguito della recente Operazione Mangiafuoco!
Dalla sezione di alta sorveglianza del carcere di Alessandria, Agosto 2012
Giuseppe Lo Turco - Individualita' anarchica prigioniera.

Per scrivergli:
Giuseppe Lo Turco
Carcere San Michele strada Casale 50/A
15122 Alessandria

.RASSEGNA STAMPA.
Comunicato Di Sghigno Dal Carcere Marassi Di Genova
Op. Ardire - Aggiornamenti E Cassa Di Solidarieta' Per Prigionieri/e
Op. Ardire - Comunicato Di Stefano Fosco Dal Carcere Di Pisa (Informa-Azione)
Op. Ardire - Contatti Compagne E Compagni Prigionieri (Informa-Azione)
La Nuova Inquisizione Caccia Agli Anarchici (Punk4Free)
Operazione Ardire - Arresti E Perquisizioni In Tutta Italia (Informa-Azione)
Anarchici Informali, Arresti In Tutta Italia "Vicini Al Gruppo Che Sparo' Ad Adinolfi" (La Repubblica)
Terrorismo, Operazione Del Ros Contro Gli Anarchici. Arresti In Tutta Italia (Corriere della Sera)

.CONDIVIDI.