Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Informatica Congo, Il Costo Umano Della Tecnologia: Il Coltan (di Net1News)
Congo, Il Costo Umano Della Tecnologia: Il Coltan (di Net1News) Stampa
Informatica
Scritto da sberla54   
Sabato 10 Agosto 2013 09:00
Coltan
Congo, Il Costo Umano Della Tecnologia: 11 Milioni Di Morti Per Il Coltan (di Net1News)

http://www.net1news.org/mondo/africa/congo-costo-umano-della-tecnologia-11-milioni-di-morti-per-coltan.html

Net1News

L'estrazione del coltan, minerale utilizzato nell'industria tecnologica, dilania da anni il territorio congolese, irreversibilmente condannato a sfruttamento e poverta' dalla scarsa attenzione prestata dagli organismi di tutela internazionale.

La Repubblica Democratica del Congo abbonda di risorse minerarie. In particolare la zona del Kivu, situata nella parte orientale, dispone di giacimenti ricchi a tal punto da rifornire tutti i mercati mondiali di oro, diamanti e coltan. Ma cos'e' il coltan? E perche' il Congo rimane, ancora oggi, uno dei paesi piu' poveri del mondo?
Il coltan e' una sabbia nera da cui viene estratto il tantalio, metallo fondamentale nell'industria della telefonia mobile e della componentistica dei computer.

Circa l'80% del coltan che circola nel mondo viene estratto in Congo e smerciato in maniera del tutto illegale. L'intero territorio del Kivu, infatti, e' in mano ai cosiddetti "Lords of war", i signori della guerra detentori di tutto il potere necessario per rendersi unici ed esclusivi interlocutori delle multinazionali interessate al commercio di coltan. A differenza del commercio di diamanti, per il quale esiste un protocollo regolativo volto a impedire che i profitti ricavati vadano a finanziare guerre civili, per il coltan non esiste nessun tipo di normativa internazionale, nonostante il progressivo e drammatico depauperamento sociale ed ecologico provocato dallo sfruttamento sregolato delle miniere. Basti pensare che le milizie dei paesi confinanti, Rwanda, Uganda e Burundi, ormai da anni presidiano i giacimenti, ricavandone ingenti guadagni. Guadagni sporchi di sangue, considerando che coloro i quali lavorano all'estrazione di coltan sono in gran parte bambini, rapiti e condannati alla vita di miniera per nove centesimi l'ora. Il coltan e' inoltre carico di uranio, sostanza radioattiva che espone a patologie il cui decorso inevitabile e' la morte prematura. Ma non solo: l'estrazione viene quasi sempre effettuata a mani nude, con conseguenti frane e incidenti quotidiani.

Si calcola che la corsa all'accaparramento del coltan abbia portato circa undici milioni di morti e schiere di migliaia di bambini utilizzati, all'occorrenza, per combattere e lavorare nei giacimenti. E il numero, nella piu' totale indifferenza della comunita' internazionale, e' destinato a crescere.

.LINKS.
Fonte: Congo, Il Costo Umano Della Tecnologia: 11 Milioni Di Morti Per Il Coltan (di Net1News)
Home Page Net1News: http://www.net1news.org/
Facebook Net1News: https://www.facebook.com/Net1News

.CONDIVIDI.