Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Storia Punk My Buddha Is Punk - [2015] Andreas Hartmann
My Buddha Is Punk - [2015] Andreas Hartmann Stampa
Storia Punk
Scritto da Joel   
Martedì 04 Febbraio 2020 10:00
My Buddha Is Punk - [2015] Andreas Hartmann
My Buddha Is Punk - [2015] Andreas Hartmann

Il fatto che Buddha avesse i lobi dilatati non significa che fosse un punk, ma indubbiamente c'e' una sottile vena di ribellione che accomuna queste due filosofie di vita apparentemente agli antipodi. Che sia la presa di coscienza di un male diffuso nel mondo, la ricerca di un senso alternativo alla vita o la voglia di evadere e sfuggire alla catena sociale tradizionale?
La risposta e' nel docufilm di Andreas Hartmann.
My Buddha Is Punk, girato e ambientato in Myanmar (per noi nota col vecchio nome di Birmania), mostra come nel sudest asiatico le due componenti siano in simbiosi, seppur con tutte le contraddizioni che si possono trovare in un paese che ha vissuto una lunga dittatura militare e non ancora del tutto libero da questo fardello.
Il protagonista del documentario e' Kyaw Kyaw, un venticinquenne punk birmano che, insieme alla sua band i Rebel Riot e altri punk che ruotano alla cerchia ristretta della Common Street, hanno l'obiettivo di ampliare e riunire la scena punk del Myanmar.
Attraverso manifestazioni, musica, fanzine, vestiario o semplici scambi di opinioni Kyaw Kyaw promuove la propria filosofia che abbraccia sia il punk che il buddismo rifiutando la dottrina politica e religiosa.
Nonostante le riforme democratiche delll'ex dittatura militare le critiche sono feroci, Kyaw Kyaw sottolinea come il cambiamento non e' mai avvenuto, evidenziando come la guerra civile e le persecuzioni religiose verso minoranze etniche siano problemi ancora attuali. Il suo pensiero e' chiaro: per un vero cambiamento c'e' bisogno di uno scontro con le regole del sistema, senza dogmi imposti dall'alto ma pensando sempre e comunque con la propria testa e individualita'.
In poco piu' di un'ora il documentario ci fa esplorare, attraverso gli occhi a volte anche ingenui di un giovane ribelle, un paese ancora alla ricerca di una propria liberta', ancorato alla vecchia dittatura ma anche dalla voglia di cambiare dal basso a colpi di borchie e creste una cultura ancestrale e chiusa come quella birmana.
Prendendo in prestito le parole di una canzone dei Ramones: Buddha is a punk rocker!
Joel

.LINKS.
Facebook My Buddha Is Punk: https://www.facebook.com/mybuddhaispunk
E-mail My Buddha Is Punk: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
IMDB My Buddha Is Punk: https://www.imdb.com/title/tt4474378/
IMDB Andreas Hartmann: https://www.imdb.com/name/nm2268921/

.CONDIVIDI.