Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni Attrito - [2010] Indotto A Camminare
Attrito - [2010] Indotto A Camminare Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Venerdì 21 Maggio 2010 05:00
Attrito - [2010] Indotto A Camminare
Attrito - [2010] Indotto A Camminare
01 - Sordo
02 - La Vostra Scelta
03 - Visto E Rivisto
04 - Industria Di Ipocriti
05 - Indugio E Fermezza
06 - Un'Altra Volta Vivi
07 - Luce Grigia
08 - Diffusione Di Morte

Trento Hc non e' mai stata cosi' in fermento, nemmeno negli anni, nemmeno troppo lontani, in cui gruppi come i Grandine eran i portabandiera di un movimento hc in netta ascesa.
Oggi pero' quel periodo in quei magici luoghi sperduti tra le montagne sta vivendo una nuova rinascita, grazie alla spinta di diverse band come Ludd, Crop Circles, The Consequence, Incline, Koroba Milk, Congegno e soprattutto gli Attrito.
A conferma di quel che ho appena affermato ecco, dopo circa un anno dal promettente promo, finalmente arrivare l'esordio sulla lunga distanza degli Attrito con questo album dal titolo Indotto A Camminare.
A dire il vero dei tre pezzi presenti nel promo qui ne ritroviamo soltanto uno ed anche riveduto e corretto, per cui preferisco considerare il loro esordio piu' come una demo, che e' servita per stuzzicare le orecchie ed aplificare l'attesa per questo disco. Ma nonostante tutte le piu' rosee aspettative di certo non mi sognavo di aver tra le mani un lavoro cosi' stupefacente e curato sotto tutti i punti di vista.
Iniziamo spendendo qualche riga sui supporti scelti e le grafiche, il disco lo potete trovare in due diverse versioni in cd con confezione cartonata o in vinile 12" che una volta estratto dall'involucro colpisce per la scelta di essere trasparente; per quanto riguarda le grafiche, essenziali quanto bastano, invece sono state create da Gabri di laterraurla che figura anche tra i co-produttori (tra cui spiccano Menti Inquinate, Gusto Rana, Artrite Records e punk4free).
Un po' come si era intuito gia' nei tre pezzi d'esordio, la registrazione ed il mixaggio giocano un ruolo importantissimo nella riuscita finale del prodotto, avvenuti rispettivamente al Microcosmo Studio del chitarrista e al Das Ende Der Dinge, rendendo il lavoro qualitativamente professionale nonostante sia sempre e comunque autoprodotto.
Ancora una piccola nota prima di parlare dei pezzi, nel disco son presenti diversi ospiti oltre alla classica line-up (formata da Rupert-voce, Bilo-chitarra, Luca-basso e cori e Andrea-batteria) troviamo la partecipazione straordinaria di Marcio dei Dangerous Gases (cori in Visto e rivisto"), Fabri e Toto' dei Nettezza Umana (voce e seconda chitarra in "Un'altra volta vivi") e Solero (Blame ed ex Leap For Joy) per i cori.
Il disco e' composto da otto sfuriate hc suonate alla vecchia maniera e senza fronzoli, dirette e veloci che puntano alla sostanza, tutte cantate in italiano in modo urlato e rabbioso che si assestano su una media di circa 2' per canzone.
Difficile dire quali pezzi spiccano visto che in tutta la sua totalita' l'album convince dall'inizio alla fine; inizio affidato a "Sordo" che colpisce grazie alla batteria tupatupa e per il testo evocativo ("mi sento sordo // mi sento come un serpente indotto a camminare.").
"La vosta scelta", "Industria di ipocriti" e "Indugio e fermezza" sono i tre pezzi che si fanno preferire al primo ascolto, forse per via di quell'impatto sonoro corposo che non passa inosservato; vengono intermezzati da "Visto e rivisto" che si connota per il cambio ritmico, partenza veloce e poi improvviso rallentamento.
"Un'altra volta vivi" come accennato era gia' presente nel promo anche se qui, con la partecipazione di due costole dei Nettezza Umana, il risultato e' un po' diverso. In tutta sincerita' mi aveva convinto piu' la vecchia versione che appariva piu' omogenea e lineare, mentre qui certi passaggi, soprattutto vocali sembran piu' forzati, ma anche questa versione non si fa disdegnare affatto.
Gli ultimi due pezzi chiudono alla grande l'album senza sfigurare rispetto ai precedenti e ritagliandosi uno spazio grazie all'ottima qualita', che nel corso dell'intero ascolto non accenna nemmeno per un attimo a diminuire.
Riassumendo il tutto Indotto A Camminare e' un discone che sfodera cazzi e controcazzi, un album come pochi e che con la sua schiettezza rientra tra le migliori uscite degli ultimi anni. La capacita' del gruppo sta nel proporre un suono ben delineato senza lasciarsi trasportare da inutili tecnicismi, gli Attrito son consapevoli di cosa e' stata la scuola hc italiana, han masticato tutto quello che nel passato e' stato creato e, adesso, lo risputano in faccia a chi li ascolta aggiugendo quel tocco di personalita' che non guasta mai.
Non vi rimane altro da fare che procurarvi il disco, possibilmente in uno dei tanti concerti che l'attivissimo gruppo sta proponendo in giro per l'Italia (soprattutto centro e nord, isole comprese), a testimonianza dell'incapacita' di stare fermi degli Attrito vi e' in cantiere l'uscita a fine estate di un 7" split con i Congegno, anche loro presto su queste lerce pagine.
Joel

.SCARICA L CD.

.PER L'AQUISTO.
Potete acquistare l'album contattando il gruppo oppure Joel, Yunior o Pierkna.
Prezzo: 8 euro Cd, 10 euro Lp.

.VIDEOCLIP.
Attrito - Industria Di Ipocriti (Live At TeLOS, Saronno 06.03.2010)
Attrito - Indugio E Fermezza (Live At Franz Stube, Vezzano 26.09.2009)
Attrito - Un'Altra Volta Vivi (Live At TeLOS, Saronno 06.03.2010)
Attrito - Vittime Clericali (Live At TeLOS, Saronno 06.03.2010)

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/attritohc
Last.fm: http://www.lastfm.it/music/Attrito
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.