Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home Articoli Recensioni China Lovers - [2007] China Lovers
China Lovers - [2007] China Lovers Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Sabato 11 Ottobre 2008 13:00
China Lovers - [2007] China Lovers
China Lovers - [2007] China Lovers
01 - China Lovers
02 - Grappa Cinese
03 - Panino Squisito
04 - Mi Pfeparo A Fare L'Amore
05 - Faccio L'Amore Con Il Fapore
06 - Val D'Aosta Mon Amour
07 - Malnaturato
08 - W Il Kamp
09 - Bambolona
10 - Caught With The Meat In Your Mouth (Dead Boys Cover)
11 - Angheee'

Potrei esordire acclamandoli al successo planetario...Oppure declamando le loro gesta tecniche...O ancora dichiarando il mio amore...
Ma questo e' nel Leggi Tutto
China Lovers...Quattro stronzi uno piu' bastardo dell'altro
Stupidi.brutti.imbecilli.osceni.squallidi...in definitiva non fanno ridere.
Si atteggiano a rockstars quando nemmeno il piu' sporco CS d'italia li vuole...costretti a suonare a concerti abusivi...
L'attesa e' finita.
Il momento della verita' e' giunto...
Ecco a voi i China lovers!
Dopo tanta attesa mi ritrovo tra le mani il primo full lenght del gruppo di Rho (Milano), 4 sbandati provenienti dalle piu' fetide bend della brianza: ex Dead Cities, Virtu Dannata, Vaginal Discharge, Crisi Isterika e gli ancora attivi Disprogress...
Fino ad oggi molti di voi avevano ascoltato solo il live del primo concerto dei china lovers registrato alla Scintilla di Modena ed anche pessimo da ascoltare, ma indubbiamente gia' si sentivano le influenza malate di tarantelle e canzoni trash varie, dopo l'ascolto del album non posso far altro che prostarmi umilmente ai piedi dei componenti del gruppo e affermare senza tanti indugi che l'esordio dei milanesi e' davvero di pregevole fattura.
Il dischetto si presenta come una coproduzione a tre mani. Partendo dal sud con la "Cash Is Dead" del messinese Pelatina...si passa da Modena con la "Nuclear Chaos Autoproduzioni" di Zanna (dei NoWhiteRag)...e si finisce al nord con PuNk4free.org...
Ebbene si, non potevamo esimerci dall'aiutare i nostri cari a/micetti cinesi...tra l'altro ho ancora un trenta eurini da saldargli asd...dettagli a parte, veniamo alla parte estetica del disco.
Un lavoro grafico stimato tra una vecchia che lavora all'uncinetto e la marmotta che confezionava la cioccolata: precisione & tenacia, il tutto curato nei minimi dettagli da Nico (cantante)...appena ne avete l'occasione comprate il cd e ammirate il lavoraccio peso che e' stato fatto in copertina, booklet, retro e cd! Poi, con molta armonia sbirciate all'interno del cd e scoprirete vari mondi...live video completo del primo concerto in scintilla piu' vari sfondi per il vostro desktop piu' altra bella robba!!
Addirittura se avete culo potrete accattarvi la versione del cd "Sbaglied Edition" (ne rimangono ancora poche copie) con gadget odoroso incluso!!!
Ma andiamo ad assaggiare quest'album omonimo..
China lovers!
E' composto da ben 11 tracce con liriche in italiano (ad esclusione della cover dei Dead boys), e trova come punto di forza una registrazione multi-traccia curata fin nei minimi particolari dal chitarrista Cip, che sfodera un appredimento esagerato del suo bel corso da fonico, usando un solo microfono e il pc per registrare basso/voce/chitarra, batteria a parte in studio.
Le sonorita' ricordano, seppur con la debita distanza i Toy Dolls, ovvero un punk hardcore con testi alquanto deliranti, per nulla impegnati, con voce/i che cambiano in ogni canzone e che infastidiscono l'organo uditivo cosi' tanto, da superare la soglia di schifezza per raggiungere lo stato di discreta apprezzabilita'.
L'album si apre con un intro/title track ovviamente dal titolo "China lovers", dove apparte un testo praticamente inesistente, stupiscono e convincono immediatamente la sezione ritmica seguiti a ruota da una chitarra che non presenta sbavature di alcun tipo.
Ecco partire sonorita' ben piu' cupe che fanno da intro a forse la miglior traccia delle 11, "Grappa cinese", voce incomprensibile ma di effetto, e solo leggendo il testo comprendo che le liriche sono in un forzato napoletano, musicalmente veloce con ottimi stacchi e ripartenze ritmati con una precisione chirurgica dalla batteria, d'alta scuola anche gli assoli di chitarra, in una parola Splendida.
Ok, ok chi ha deciso la scaletta delle tracce e' un drogato del cazzo, non e' possibile che i due miglior pezzi siano uno di seguito all'altro ed in piu' ad inizio album, infatti dopo la precendente traccia anche "Panino squisito" merita una mansione speciale, testo al limite della demenzialita' (se non al di sopra), voce soffocata ed esilarante, solite ottime sonorita', ed un assolo di chitarra intorno al minuto 1'20" che ricorda un qualche telefilm anni '80 (nda. sara' Supercar???).
Si continua con "Mi pfeparo a fare l'amore" esilarante ennesimo intro alla quarta canzone "Faccio l'amore con il fapore" che si appare come un evidente plagio del gruppo verso se stesso (nda. riascoltate Grappa cinese) da sottolineare la grandiosa capacita' della voce di riuscire a parlare con una spassosa lingua di pezza.
Si prosegue con "Val d'Aosta mon amour" rispetto ai precendeti pezzi piu' sporca e lenta, non del tutto convincente, ma un passaggio a vuoto che comunque non incide piu' di tanto sul valore dell'album.
La shettima "Malnaturato" si preshenta come un'altra piccola bella canshone, voce malata e schizzata come del resto il testo, e dove si evidenzia piu' che altrove la bravura tecnica dei componenti del gruppo.
"W il Kamp" (che avevo avuto modo di appezzare gia' da tempo in versione completamente diversa) si apre con un intro di chitarra acustica per poi decollare in velocita' e risultare la canzone piu' hardcore dell'album, rispetto le precedenti risulta registrata in maniera piu' sporca, chitarra distorta e sezione ritmica leggermente soffocata, sempre eccezionale il testo e le ormai consuete vocine irritanti.
Altro piccolo capolavoro con "Bambolona", dal testo quasi incomprensibile nella prima parte, ma che diventa eccezionale nella parte centrale dove si presenta un bel giro di Valzer.
L'album si chiude con gli ultimi due pseudo-pezzi "Caught with the meat in your mouth", cover live dei Dead Boys (nda. a dire il vero ho seri dubbi che sia suonata dai China lovers, sembra il gruppo originale), e dall'ultimo pezzo "Angheee'" che fa da outro all'intero ciddi.
In definitiva questo China Lovers dei China lovers, risulta un bell'esploit, un disco che sancisce definitivamente il gruppo nel firmamento dell'hc nostrano.
Apparte il giudizio personale, c'e' da sottolineare che i nostri non suonano il solito hc, ma prendendo un po' qui un po' la riescono a crearsi un suono in fin dei conti originale e di sicura presa.
Scaricate il cd e godete TROIE!!!
E per chi avvista il cd dei china lovers a qualche distro e non scuce i 4 euri.. merita di passare un buon dieci minuti in loro dolce compagnia!
Recensione malata scritta a due mani a cura di Joel & ThePuNkshOw

.SCARICA IL CD.

.NOTA.
Dopo quasi un anno dall'uscita di questa recensione i China Lovers si sono sciolti da un pezzo e ci hanno chiesto di mettere in download il cd completo.
L'hanno fatto per la liberta' di tutti noi...avevano delle maschere e dei grossi cazzi di gomma quando li conoscemmo!
Grazie China Lovers, vi vorremo bene per sempre!
VVB4E!

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/chinalovers
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.