-c

Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home
puNk4free - [anarcoposer punk hardcore magazine]
Krash Of Humanity - [2009] Krash Of Humanity Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Mercoledì 29 Aprile 2009 13:00
Krash Of Humanity - [2009] Krash Of Humanity
Krash Of Humanity - [2009] Krash Of Humanity
01 - Intro
02 - Krash Of Humanity
03 - L'Indifferenza Uccide
04 - Dottrine Fasciste
05 - Emozioni
06 - Malati E Dannati
07 - Suicidio Nucleare
08 - Outro

Le Marche nell'ultimo periodo sono in fermento con tanti gruppi che si affacciano sulla scena, ed approdano su questo sito.
Questa volta e' il turno di un gruppo che, come lascia immaginare l'inquietante e tetro artwork, suonano un violento Crust/Grind dove molta attenzione e' data al messaggio comunicato dai testi come loro stessi affermano "...non bisogna fermarsi al solo sentire della musica, ma leggere anche i testi e non farli rimanere fini a se stessi ma quelle idee, quegli interessi bisogna attuarli, bisogna attivarsi per contestare tutte quelle nocivita' che la societa' propone e tante volte impone, non rimanere fermi a guardare, non rimanere fermi a pensare, ma agire e farsi sentire, organizzare e contrastare.".
Anche il nome scelto dal quintetto non e' frutto del caso infatti "con il nome Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , ossia Crollo dell'Umanita', vogliono descrivere il presente delle cose, ossia la lenta corsa verso un collasso planetario causato dalla civilta' umana.".
Difficile reperire info vista la condivisibile scelta del gruppo di non avere un myspace, quindi ci affidiamo direttamente alla loro bio (nda. leggermente modificata).
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e' un progetto crust/grind nato nell'Ottobre del 2008 da alcuni componenti del Collettivo (A)nti-apati(A) di San Bendetto del Tronto (Martin e Mirco - Growl/Scream, Matteo - chitarra, Fede - basso, Daniel - batteria).
Riescono a suonare sin da subito frequentemente, il che li porta nel Gennaio a registrare la prima demo autoprodotta grazie alla collaborazione della Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e Death Crush, anche se dopo la registrazione Martin lascia il gruppo.
L'album demo presenta 6 pezzi, piu' relativi intro ed outro, per una durata complessiva che non arriva a 20 minuti; registrazione piu' che sufficiente nonostante un certo suono ovattato in determinati momenti di ascolto e lavoro grafico semplice e diretto che non puo' che piacere.
La demo si apre con 44'' di rumore allo stesso tempo fastidioso e quasi ipnotico, per poi lasciare spazio all'unico pezzo in inglese ovvero la title track "Krash of humanity" buoni soprattutto i growl e gli ottimi cambi di ritmiche, lente e ripetitive per quasi tutto il pezzo ma che subiscono improvvise e brevi accelerazioni mitraglianti.
Si prosegue con "L'indifferenza uccide" qui i toni si fan piu' cupi ed i bassi son sparati al massimo quasi a creare appositamente fastidio all'ascoltatore per attirare la sua attenzione nelle sfuriate veloci in cui son concentrate le brevi liriche, geniale.
Tocca ad una canzone in cui il messaggio e' chiaro sin dal titolo, ovvero "Dottrine fasciaste", stavolta i tempi son subito repentini e mai domi quel che convince maggiormente pero' e' l'ottima alternanza delle due voci, una growl e l'altra scream convincenti dall'inizio alla fine, inutile sottolineare che appare il pezzo piu' riuscito dell'intera demo.
"Emozioni" e' piu' un intermezzo vista la durata di appena 6'' a cui fa seguito "Malati e dannati", purtroppo questo pezzo presenta una pecca che ne limita il giudizio visto che le due voci appaiono un po' troppo basse e sovrastate dalla furia strumentale ineccepibile, un peccato perche' il testo appare piu' che buono.
Si chiude con "Suicidio nucleare" introdotto da una musichetta che richiama alla mente uno scenario apocalittico confermato dall'esplosione che precede l'inizio del pezzo, i suoni appaiono cupi e le tematiche nichiliste sicuramente le parole usata lasciano parecchio da pensare, dal punto di vista musicale forse la canzone pecca per l'eccessiva durata che rende il tutto ripetitivo anche perche' i ritmi si mantengono piuttosto lenti, cosi' come nell'outro in cui viene messo in risalto il messaggio delle parole.
Complessivamente questo omonimo disco dei Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. mostra una buona abilita' tecnica e soprattutto un'ottima attitudine comunicativa, saran sicuramente apprezzati da chi ama il genere proposto anche se han buone chance di farsi spazio anche da chi predilige suoni piu' moderati.
Joel

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Etichetta:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
http://www.myspace.com/deathcrushdistro

.CONDIVIDI.