-c

Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home
puNk4free - [anarcoposer punk hardcore magazine]
Kennel - [2011] E' A Vostra Immagine E Somiglianza Stampa
Recensioni
Scritto da fabio HC   
Venerdì 30 Dicembre 2011 05:00
Kennel - [2011] E' A Vostra Immagine E Somiglianza
Kennel - [2011] E' A Vostra Immagine E Somiglianza
01 - Io Odio
02 - Santo Padre Cazzo
03 - Rhuma
04 - Zero
05 - La Negazione Dell'Esistenza
06 - Malleus Maleficarum
07 - Spento
08 - Lacrima Di Sangue
09 - Moderno Servo Della Gleba
10 - Vomito
11 - Catena Perpetua
12 - Figlio Del Tuo Tempo

E' bello avere a che fare con un titolo del genere, che ti ricorda un certo Bakunin. Ma poi ti convinci che il rivoluzionario russo non c'entra un cazzo. E qui casca l'asino. Il titolo appunto si riferisce al pensiero secondo il quale l'uomo ha creato dio e non viceversa, tipico pensiero espresso piu' volte dal caro e vecchio anarchico Bakunin. Partiamo bene quindi no?
Parliamo del gruppo pero'. I Kennel sono gia' conosciuti su queste gloriose paginette, grazie al primo lavoro che pero' non sembra abbia riscosso molta approvazione. Ora questi ragazzi sono tornati alla carica con questo nuovo disco targato 2011, con tanta voglia di spaccare.
L'intro "Io Odio" inizia a far capire dove i ragazzi vogliono portarci. Un bell'hardcore molto metal rock'nrolleggiante in apertura, infatti, delinea bene o male tutto il resto del lavoro, grazie soprattutto alle poderose chitarre. La velocita' d'esecuzione e' ottima, da grande pogo, soprattutto da parte della voce; cattiveria allo stato puro urlata sporcamente nel microfono fa intendere come l'odio da parte del gruppo per l'essere umano e' ben concepita, stessa cosa vale per "Figlio Del Tuo Tempo". I testi sono poco comprensibili al primo ascolto ma le lyrics, incluse nel disco, aiutano pero' abbastanza.
Mi sta molto a cuore una canzone che narra una tristissima storia. "Rhuma", una bambina pakistana, viene rapita da un uomo ricchissimo che trafficca in tutto e vende gli organi della bambina. Questo sotto gli occhi del padre che essendo povero non puo' fare giustizia, neppure con le sue stesse mani. Il tutto viene accompagnato da un hardcore cattivo, influenzato in abbondanza dal thrash.
Non spendo troppe parole inutili ma in sostanza voglio dire una cosa: musicalmente possono anche non piacere, in quanto i riffs suonano abbastanza strani, delle volte dai tratti black come in "Moderno Servo Della Gleba". Ma l'attitudine nei testi e' espressa magnificamente grazie alla cattiveria dello screaming e dai cambi ripetuti di voce e questo vale tanto per un gruppo dalle lyrics prettamente italiane. Sono quei gruppi che spesso vengono poco supportati per via della loro musicabilita' non alla Attrito o soci ma degnissimi comunque di essere supportati.
Scaricate pancacci, fate buon uso di questi dischi cazzo. Oi!
fabio HC

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
MySpace: http://www.myspace.com/kennelcore
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.