-c

Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home
puNk4free - [anarcoposer punk hardcore magazine]
Cioran - [2012] Cioran Stampa
Recensioni
Scritto da krizia   
Mercoledì 03 Luglio 2013 09:00
Cioran - [2012] Cioran
Cioran - [2012] Cioran
01 - Cobalto
02 - Discesa
03 - Cool Air (Keeps The Dead Alive)
04 - No Glory For The Damned
05 - Am I Still Acting?
06 - Falsi Bagliori
07 - Black Cathedral

Avete mai sentito i vostri nonni, mangiando un pezzo di formaggio, dire che non ci sono piu' i sapori di una volta?
Bene, io vi dico anche che non c'e' piu' il punk hc di una volta: quello dei Negazione, dei Nerorgasmo e dei Peggio Punx.
Comprensibilissimo: erano altri anni e altre passioni modulavano quei suoni che spesso uscivano ancora da una musicassetta.
Oggi invece, la linea che divide il punk hc dal metal e' sottile quanto facile da oltrepassare e, personalmente, odio chi lo fa (ma questa e' un'altra storia!).
La stragrande maggioranza, suona infatti in equilibrio su di essa e direi che i Cioran sono dei bravi funamboli.
Ok, ammetto che l'esordio di questa recensione puo' sembrare un po' saccente, ma non fraintendetemi: i cinque padovani spaccano nel loro genere, ma il loro genere qual e'? Screamo, grind, metal, hardcore. Difficile a dirsi perche' personalmente, ascoltando il loro primo lavoro, Cioran, tra le prime file dei loro concerti immagino poche teste rasate e creste verdi che pogano, e piu' capelli lunghi e scuri che fanno headbanging.
E' un mondo buio e un punk oscuro, che emerge dalle viscere, proprio come il luogo che la band ama immaginare come citta' natale: R'lyeh, "La citta'-cadavere, da incubo, che fu costruita incalcolabili eoni prima della storia conosciuta, da enormi, ripugnanti forme che gocciolarono dalle stelle oscure. Ivi si stabilirono il grande Cthulhu e le sue orde, nascosti in verdi, limacciosi sotterranei..." come recita amabilmente Lovecraft nel suo racconto.
I Cioran nascono nel 2010 e vedono Lorenzo alla batteria, Lele alla voce, e Richi e Cesco alla chitarra, quest'ultimo anche come seconda voce.
Insieme hanno dato vita al gia' precedentemente citato Cioran”, 7 gradini di una scala dantesca che ti conduce dritta all'inferno.
Un inferno moderno, che assomiglia non poco alla nostra realta', ascoltata con orecchie disincantate e riprodotta con suoni a tratti calmi e angoscianti, a tratti frenetici e veloci, come in "Discesa" (forse troppo veloci, come in "Falsi Bagliori"...chitarrista, hai ancora le mani, vero?). Un'inquietudine espresso bene anche in inglese nella maggior parte delle loro canzoni, ma da ascoltare piacevolmente in italiano, dove devo ai ragazzi una lode per i testi.
Insomma, se volete scoprire chi era il nichilista Emil Cioran, ma vi annoia aprire un libro di filosofia, ascoltate Cioran...ma dopo non finite per bruciare il libro in preda a un istinto Baccanale o per un rito satanico, please.
krizia

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Facebook: http://www.facebook.com/Cioranrlyeh
Bandcamp: http://cioranrlyeh.bandcamp.com/
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.