-c

Immagini

Prossimi Concerti

No current events.

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front
Home
puNk4free - [anarcoposer punk hardcore magazine]
Under The Oak - [2014] Under The Oak Ep Stampa
Recensioni
Scritto da Joel   
Lunedì 31 Marzo 2014 09:00
Under The Oak - [2014] Under The Oak Ep
Under The Oak - [2014] Under The Oak Ep
01 - 21st Business Man
02 - Hue And Cry
03 - Contemporary Way
04 - Lilith

Tocca agli Under The Oak, tanto per cambiare un gruppo proveniente dalla ridente Trento, cittadina che, unico caso in Italia, annovera piu' gruppi hardcore che effettivo numero di abitanti.
A parte le battute la scena trentina e' in continuo fermento e quel che piu' colpisce e' che non sbaglian mai un colpo. Predestinati!
Il qui presente trio nato nel 2013 (Simone-basso e voce, Matt-chitarra e voce, nonche' ex componente dei piu' quotati Left In Ruins, Claude-batteria) esordisce con questo omonimo Ep contenente un punk hardcore oscuro scaturito da una saggia miscela di crust/d-beat, oserei sbilanciarmi trovandoci una matrice scandinava, con l'aggiunta di suoni compassati e riflessivi tipici del post hardcore.
Il disco e' autoprodotto, sia dal punto di vista dell'impeccabile registrazione e produzione (mix e mastering sono opera del batterista) sia per quanto riguarda stampa e serigrafia delle tape e delle toppe, opera della Failure - Screen Printing (studio creato dal bassista).
I brani si connotano per brevita' ed un incedere lento a parte le rare esplosioni schizofreniche, grazie a questo ritmo lento ed opprimente si esalta la componente introspettiva del gruppo che trova massimo sfogo nei testi e nell'interpretazione vocale, come si evince dalla spiegazione data dagli Under The Oak stessi: "Il concetto nelle nostre canzoni e' la ricerca di noi stessi, la natura dell'essere umano. Il nome della band e' uno specchio di cio' che sta dietro le cose che vediamo, un mondo di filosofia. Il tema non e' la semplice critica della societa', ma un approccio piu' profondo, un modo per riflessioni."
Quattro tracce sono un po' poche per un giudizio complessivo della band e lascian un po' l'amaro in bocca, poiche' si inizia ad apprezzare la band e gia' il disco e' finito, pero' le sensazioni che lasciano sono positive. In attesa di un lavoro piu' corposo consumate queste quattro canzoni.
Joel

.SCARICA IL CD.

.CONTATTI.
Facebook: https://www.facebook.com/pages/UNDER-THE-OAK/411774652251494
Bandcamp: http://undertheoak1.bandcamp.com/
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.