-c

Immagini

Prossimi Concerti

Do It Your Shop

Tanto Di Cappello Records

Hardcorella Duemila

VegFacile - Go Vegan!

Vegan Riot: la Rivoluzione ai Fornelli dal 2005!
Home
puNk4free - [anarcoposer punk hardcore magazine]
Tre Nuove Calciatrici Dall'Afghanistan (di Centro Storico Lebowski) Stampa
Varie
Scritto da Joel   
Lunedì 31 Gennaio 2022 10:00
Tre Nuove Calciatrici Dall'Afghanistan
Tre Nuove Calciatrici Dall'Afghanistan (di Centro Storico Lebowski)

https://cslebowski.it/tre-nuove-calciatrici-dallafghanistan/

Centro Storico Lebowski

Fatima, Susan e Maryam sono tre nuove giocatrici del Centro Storico Lebowski.
Vengono dal Bastan Football Club di Herat, Afghanistan.
E' un annuncio di calciomercato un po' strano: manca il cognome delle atlete. Ci hanno detto di attendere a scriverlo, per questioni legate alla sicurezza delle famiglie rimaste in Afghanistan.
Le ragazze si allenano con noi gia' da qualche settimana. Abbiamo aspettato oggi a comunicarlo per una questione di metodo: quando e' possibile cerchiamo prima di agire, mettere a verifica quanto fatto, agire nuovamente e solo dopo raccontarlo. Ma ieri la notizia e' uscita sui principali media e ci sembra allora opportuno accompagnarla con alcune nostre riflessioni.
Con il ritorno al potere dei Talebani in Afghanistan per le sportive e' proibito gareggiare e la loro incolumita' e' a rischio, come simboli di un malcostume da estirpare.
Buona parte delle giocatrici del Bastan FC sono dunque fuggite dal Paese e Fatima, Susan e Maryam, insieme all'allenatore Najibullah, sono arrivate in Italia con l'aiuto del COSPE, un'associazione senza scopo di lucro che si occupa in vari scenari internazionali complessi di tutelare le figure che si trovano a rischio di subire discriminazioni e violenze.
Approdate a Firenze e ospitate dalla Caritas, potranno ora riprendere a praticare lo sport che amano con la nostra maglia, grazie anche alla grande sensibilita' dimostrata dalla FIGC.
Siamo orgogliose e orgogliosi di essere stati considerati un ambiente sportivo e umano all'altezza di questo compito, ma ci sentiamo anche in una posizione delicata e abbiamo bisogno di aprire una discussione.
Viviamo in Italia, uno dei paesi i cui governi nei decenni hanno maggiormente affiancato gli Stati Uniti e la NATO nella distruzione di interi territori, nella devastazione di tessuti sociali e nel saccheggio di risorse: azioni descritte come operazioni umanitarie. Questo e' successo in varie aree del Pianeta, tra cui in Afghanistan.
Siamo parte in causa del disastro, anche se negli anni abbiamo piu' volte partecipato, insieme a milioni di altre persone, ai tentativi di opporsi alle logiche della guerra e dell'imperialismo, manifestando la nostra contrarieta'.
L'Afghanistan e' un esempio particolarmente emblematico e doloroso della spregiudicatezza delle strategie egemoniche della NATO: ostaggio di un regime reazionario e oscurantista precedentemente finanziato in funzione anticomunista, poi devastato dalle "bombe umanitarie e democratiche" dei nostri governi, dilaniato per vent'anni dagli scontri armati, dagli attentati e dalla presenza delle truppe di occupazione, e infine abbandonato, come se nulla fosse, al ritorno di quello stesso regime reazionario di vent'anni prima. I Talebani: prima alleati e amici come in Rambo III, poi simbolo di ogni male dopo le Torri Gemelle, poi effetto collaterale delle politiche di destabilizzazione in Asia Occidentale e, infine, da qualche mese a questa parte, di nuovo "legittima forza di governo", addirittura presentata come partner nella lotta al commercio e alla diffusione dell'eroina in Occidente, quando in vent'anni di occupazione la situazione non e' mai davvero cambiata, con i campi di papavero che continuavano a finanziare i signori della guerra e l'eroina che non ha mai smesso di arrivare sui nostri mercati a fiumi.
Una vicenda che fa gelare il sangue nelle vene, e in cui, nella nostra parte di mondo, non ci sono innocenti: colpevoli sono ovviamente i governi con le mani lorde di sangue, gli eserciti e i trafficanti di armi, ma colpevoli in fondo lo siamo tutte e tutti, per aver tutto sommato lasciato fare.
Ci sentiamo in una posizione delicata perche' iniziative come la nostra hanno il compito strutturale di "lavare" le responsabilita' dell'Occidente. Spesso il gesto gentile, caritatevole, e' esattamente l'altra faccia di una medaglia fatta di guerra e colonialismo: il mio Paese benestante devasta altri territori, porta dolore e distruzione, si rende complice di governi autoritari e allora io, con un senso di colpa misto anche a un senso di superiorita' culturale, faccio la "buona azione", che rimane estemporanea e serve quasi solamente a pulirmi coscienza e immagine.
In questo scenario, le donne stesse non sono mai state guardate come persone insieme a cui bisogna strappare uno spazio di organizzazione autonoma, ma come entita' passive per cui "liberare" significa, paternalisticamente, "proteggere".
Non avevamo ancora annunciato l'arrivo delle ragazze in grigionero perche' stavamo ancora riflettendo su come la narrazione simbolica fosse equivoca, mentre la realta' delle relazioni, dei legami, della solidarieta' reciproca, delle azioni lo fosse in misura ben minore. Abbiamo lasciato "parlare" la militanza quotidiana, minuta.
Ci consideriamo, nel nostro piccolo, una realta' di lotta che vuole rompere con le condizioni esistenti e portare cambiamento, cercando di comunicare attraverso le azioni prodotte. Pensiamo che lo sport sia un importantissimo strumento di liberazione personale e collettiva, un momento di riappropriazione e rivendicazione del proprio corpo che non dobbiamo pensare scontato alle nostre latitudini, come se fosse solo un problema di Paesi e popoli "piu' sfortunati". Vogliamo liberarlo sempre di piu' dalle logiche di sfruttamento economico e di oppressione politica e culturale.
Amiamo spesso ripetere che al Lebowski vogliamo che ogni persona porti quello che desidera, le proprie conoscenze e competenze, i sogni e i bisogni, per dare il suo contributo alla crescita collettiva.
Fatima, Susan e Maryam sono donne che sanno giocare a calcio, esattamente come Alice, Virginia, Miriam e tutte le altre. Siamo felici di averle qui con noi, a condividere percorsi sportivi, politici e umani.
Benvenute ragazze.

.LINKS.
Fonte: Tre Nuove Calciatrici Dall'Afghanistan (di Centro Storico Lebowski)
Home Page Centro Storico Lebowski: https://cslebowski.it/
Facebook Centro Storico Lebowski: https://www.facebook.com/cslebowski/
YouTube Centro Storico Lebowski: https://www.youtube.com/c/CSLEBOWSKI2010/
E-mail Centro Storico Lebowski: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

.CONDIVIDI.