E morto il Professor Bad Trip Stampa
Concerti e Comunicati
Scritto da ThePuNkshOw   
Lunedì 27 Novembre 2006 00:53

Sabato 25 novembre è morto all'età di 43 anni Gianluca Lerici - aka Professor Bad Trip - uno dei grandi, forse il piu' grande, artista visuale underground italiano degli ultimi 15 anni. I funerali di Bad Trip si terranno lunedì 27 novembre alle ore 15 presso il cimitero di La Spezia.
Grazie a chi ci sara'.

Il Prof. Bad Trip, di La Spezia, studioso e artista a tutto campo, conoscitore della cultura underground internazionale, si è fatto conoscere nei primi anni Ottanta come autore e illustratore di fanzine & volantini punk, come produttore di mail-art e di t-shirt artistiche ad alto livello, per poi sviluppare negli anni Novanta una serie straordinaria di collage e parallelamente uno stile fumettistico inconfondibile.
E' stato l'unico artista italiano della generazione nata negli anni Sessanta a interpretare visualmente in maniera matura le distopie di JG Ballard - autore che ha sempre amato - e del cyberpunk.


[continua nel Leggi Tutto]

Da circa un decennio si dedicava - tra le altre cose - alla pittura su tela e ha esposto in decine di mostre con i suoi colori psichedelici e sui temi a lui cari, come le mutazioni e i mutanti, i "mostri" alla Philip Dick, creature spaziali, vulcani che esplodono, fabbriche inquinanti e altri disastri naturali e metropolitani.

Esperto serigrafo ha prodotto artigianalmente migliaia di t-shirt, oltre a decine di serigrafie su materiali vari.
Stava ultimamente lavorando per realizzazioni di oggetti "da portare" di alto livello artistico distribuiti in tutto il mondo.

Anarchico, e' sempre stato vicino ai movimenti underground.

Colto collezionista di libri, riviste e dischi underground e politici.

Per Decoder rivista cartacea ha prodotto numerose copertine, illustrazioni e fumetti.
Per ShaKe ha disegnato "Il pasto nudo" a fumetti di WS Burroughs e l'inserto a fumetti di Costretti a sanguinare di Marco Philopat.

Senza di lui sarà più dura.
Ma c'e' da dire che ha sempre dato l'impressione di vivere da uomo libero.

Jena ti siamo vicini

ALCUNE TAVOLE

"Hanno paura di me, sanno che sono punk"
(La sua testimonianza sulla storia della scena punk italiana, tratto da "Lumi di Punk" di Marco Philopat)

articolo preso da http://www.decoder.it/
http://italy.indymedia.org/
.CONDIVIDI.