Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front

Top 100 Joomla

Clicca qui per votare
www.joomla.it
Home Testi Raein - Sulla Linea D'Orizzonte Tra Questa Mia Vita E Quella Di Tutti
Testi
Raein - Sulla Linea D'Orizzonte Tra Questa Mia Vita E Quella Di Tutti Stampa
Testi
Scritto da Pierkna   
Mercoledì 09 Novembre 2011 00:29
01 - Se La Notte Sogno, Sogno Di Essere Un Maratoneta
Lunghe attese intervallate da momenti di instabilita' portano il dono piu' prezioso

e mentre i volti solcati dal tempo, rilasciano ancora la speranza in noi,
e quando tutto sembra perduto, non avremo dimenticato mai
ora il fiume scorre, trascina verso valle,
i proprio amati figli, verso il mare , verso il nostro perdono


02 - Nirvana
Saremo il monumento continuo di nuovi desideri
che corrono giu' dalle montagne piu' veloci della paura di soffrire.
vestiremo splendore con la determinazione di mille inverni,
faremo esplodere il consenso in cielo
e lo guarderemo piovere diamanti in tutte le direzioni.
parleremo per immagini
per tenere gli occhi bene aperti su quanto non si vede.
ritroveremo le cassette degli attrezzi per riparare l'ideale,
e il nostro cinismo fara' sbocciare nuovi sogni.
innescheremo la macchina della volonta' per produrre domande che spostino cattedrali.
affinche' tutto accada di nuovo oltre che nulla vada perduto.
saremo il fatale prevalere dell'azione.
per sempre, tutto comincia ora.


03 - Trasparenti Oscure Virtu'
Qui dove le azioni non servono lo spazio,
qui dove la luce non viene riflessa.
guardo mentre ti addentri nel buio, nel buio
guardo mentre colori, dichiari, ci lasci qui,
Il senso della trasparenza, tutto il senso della tua vita in quell'oscurita'.
vorrei fosse sempre primavera qui, da oggi, mentre l'albore insorgente della ricerca, come il presente, pretende,
cerca la fame, cerca la sete, cerca l'altro nelle ombre per sporcarsi di lui,
vorrei non dover ritrovarti ora, mio nemico.


04 - Costellazione Secondo Le Leggi Del Caso
Mantienimi sempre volubile intelligenza,
nella corsa alla liberazione di questa vita
e quanta cura nel presentarti al mondo,
come se fossi l'unica meravigliosa,
oggi ti ho dichiarata maelstrom allo spazio
e nell'attesa che questo vento smetta di correre tra i miei capelli e dia forma al mio corpo,
mi chiedo del verde degli alberi, dell'immobilita' dell'abisso e del carattere degli uomini.
Classista ti spegnerai nelle tue esercitazioni
mentre attorno i colori continueranno a risplendere
colmandomi gli occhi
dello stesso infinito di cui tu sei parte e creazione.
Ti ho ricordata ascoltando gli inni delle maree che cantavano nuova forma del vivere,
ti ho ritrovata negli ottoni delle montagne, nell'ossessivita' di questa preghiera leggo solo "perdiamoci!",
scavando sempre piu' a fondo con la voce, ho dimenticato dove mi trovassi e da dove fossi partito,
ricordo era qui dove sarei voluto essere.


05 - Raein: Rumore. 3
Tu sei sempre.
Sei la natura delle cose,
E risuoni, risuoni
del suono dell'idea, parli dell'idea di mondo.
Sei un fatto, un momento di purezza,
un momento in cui non ci si ricorda presenti,
sono loro ad aver memoria di noi sai.
Stiamo per appoggiarci a terra.Tu non ti appartieni piu'.
Sei libero,
ed e' il momento di farsi avanti,
e' il momento di uccidere gli intermediari
e di affondare le mani nella materia, pura.
Sopra la creazione, ricostruisci!


06 - Oggi Ho Deciso Di Diventare Oro
Farsi largo fra le righe, attraverso le stagioni,
ritornare a quel rumore, in un luogo che non ci appartiene
aiutarsi con le dita per farsi largo fra le righe
con gli occhi cercare in ogni modo di nascondere a se stessi cio' che la testa ha gia' elaborato
Il caldo di quel giorno e quel rumore ci ha spinti in un luogo che non ci appartiene
con gli occhi cercare in ogni modo di nascondere


06 - Attualita' Dell'Utopia
Dove la tua impotenza si mischia alla mia nostalgia
L'eco di quel rumore attraverso le stagioni...
...ritornare a quel caldo per ritrovarci ancora assieme.
Calpestare quella linea per scacciare una sublime tempesta.
Farsi largo fra le righe, attraverso le stagioni,
ritornare a quel rumore, in un luogo che non ci appartiene.


07 - Abitudine, Cerimonia, Magia.
Dispeghi il tuo drappo, consumato dal tempo e dalle perplessita';
un pensiero perso, schermo di un domani che non accadra';
un gioco di specchi che nasconde la vera natura e l'oscurita';
festeggi con falso ardore ricercando una scusa
gridando forte in coro solo quella che e' la mia verita'.
Combattere, gioire, uccidere, festeggiare
le facce di una medaglia
troppo a lungo dimenticata


08 - Dopo Di Noi La Liberta'
Da allora esiste solo eleganza.
Guarda come si impara a capire. Ascoltarsi soffrire.
un passo alla volta, tornare a imparare da zero
Fermati, senti lo spazio allargarsi nel petto.
Respira, scegli chi portare con te, chi abbandonare.


09 - Come Materia Infinita
Perche' non sara' un saluto a cambiarci,
la partenza lascera' tutto com'e';
Rendendo infinito lo spazio tra di noi;
trasformiamo la felicita' in sottrazione
ma con la stessa voglia di ripeterci...
Io resto qui alla tua sinistra

.CONDIVIDI.