Immagini

Prossimi Concerti

Tanto Di Cappello Records

Vegan Riot

VegFacile - Go Vegan!

Animal Liberation Front

Top 100 Joomla

Clicca qui per votare
www.joomla.it
Home Testi Cripple Bastards - Misantropo A Senzo Unico
Testi
Cripple Bastards - Misantropo A Senzo Unico Stampa
Testi
Scritto da Joel   
Lunedì 11 Agosto 2008 02:06
01 - Misantropo A Senso Unico
Porte in faccia 7 giorni alla settimana,
andare avanti con niente in mano
sapendo di esser soli nel mirino di tutti,
un giorno volevo bene almeno a me stesso,
ma la mia vita e' diventata un cesso.

QUESTA e' UNA STRADA A SENSO UNICO

Davanti - la forza di consumarmi oltre ogni limite,
anfetamina per massacrarvi di odio,
dietro - la societa' del compromesso,
programmata fino all'ultimo pezzo di vomito.

QUESTA e' UNA STRADA A SENSO UNICO

Un numero, una divisa, un qualsiasi lavoro di merda
a voi va bene quello perche' siete solo quello.
Uomini... vermi... non vedo differenza...
o come in quei vecchi libri di fantascienza:
due braccia, due gambe, un televisore conficcato al posto della testa.
PATETICI

Porte in faccia 7 giorni alla settimana,
andare avanti con niente in mano
sapendo di esser soli nel mirino di tutti,
un giorno volevo bene almeno a me stesso,
ma la mia vita e' diventata un cesso.

Davanti - la forza di consumarmi oltre ogni limite,
anfetamina per massacrarvi di odio,
dietro - la societa' del compromesso,
programmata fino all'ultimo pezzo di vomito.

QUESTA e' UNA STRADA A SENSO UNICO

Questa e' una strada a senso unico,
la gente mi fa schifo
lascio tutti alle spalle, tiro dritto fino all'ultimo.


02 - Non Servire A Niente (e' La Tua Sorte)
PER IL LAVORO / PER LA SCUOLA /
VUOI BENESSERE / STABILITA /
PRONTO A LECCARE / BACIARE ZERBINI /
LA TUA DONNA / QUELLO IN CUI CREDI /
NON SEI MAI CAMBIATO / e' GIUSTO COSI /

LADRI - ti fottono la realta' da sotto agli occhi,
lei parla di amore perche' trova in te compensazione,
compensazione che svanisce nel momento in cui
le si presentano opportunita' migliori
o si fossilizza se siete vecchi fin da giovani...
tutto questo per andare avanti e non stonare con la sintonia urbana,
tutto questo per non attirare sguardi e giudizi,
genuflessione eterna - e' la tua sorte - non servire a un cazzo

non servire a niente

PER IL LAVORO / PER LA SCUOLA /
GENTE CIVILE / GENTE CHE CONTA /
PRONTO A SERVIRE / ASSECONDARE / SPENDERE /
TELEVISIONE IN FAMIGLIA / MOMENTI DI CONFORTO /
ITINERARIO SEGUITO / NE VALEVA LA PENA /

LADRI - ti fottono la realta' da sotto agli occhi,

la carta stampata e il riscontro con quello che vedi,
la tua quotidianita' - esser preso per il culo,
con tuo figlio in questura le cose son girate diversamente,
ma si parla di casi, rare eccezioni,
paga e taci, consuma e crepa,
destinato a finire in merda come i tuoi rifiuti,
scheletri di soldi volati chissa' dove,
abruttimento eterno - e' la tua sorte - non servire a un cazzo

non servire a niente

perche' tu non capisci, vivi male, ti contraddici

PER IL LAVORO / PER LA SCUOLA /
SENZA CORAGGIO / SENZA ISTINTI /
PRONTO A SORRIDERE / VUOTO BORGHESE /
QUESTO POSTO e' TUO / MA SOLO IN AFFITTO /
NON PENSARCI / NON SERVE A NIENTE /


03 - Il Sentimento Non e' Amore
Il sentimento non e' amore,
e' solo guadagno di sicurezze.
..perso nell'ombra di una convinzione
pietrificata negli anni da parole,
impressioni, voci dipinte sulle tenebre.
Il sentimento non e' amore
pretendo qualcosa in piu'.
Il sentimento non e' amore
pretendo qualcosa in piu'.

...il tuo vivere bene si sdoppia a coltellate,
rassegnato ad animale di gruppo - diventi pietoso.
...il vostro vivere insieme e' una malattia forzata,
tolte le abitudini crollano le soddisfazioni.

Il sentimento non e' amore,
e' stare in gabbia con un altro. Morto.
Il sentimento non e' amore,
ma uno scambio di paure.

...avvinghiato ad un'ombra
per assicurarti che sei normale.
...chiuso fuori da te stesso
per condividere la gioia di vivere il vuoto nel marcio.
Contemplarla.
Il mio sentimento non e' amore,
va molto piu' in la'.
Cambia ogni istante,
non abbraccia nessuno.


04 - Morte Da Tossico
No alla soluzione quando tu sei il problema
No alla soluzione quando tu sei il problema...
tu sei il problema... tu sei il problema......

... per una notte lasciarti pensare,
riattaccare la corrente nel tuo cervello andato a male,
pulire via il sedativo che hai scelto per poterti alienare.
... per una notte offrirti un varco per riflettere,
fuori dalla paranoia del tuo ciclo di consumo,
aiutarti a fare luce nella fogna in cui sei affondato
per poi lasciarti li' a crepare, solo - davanti al tuo errore.

Gli occhi lo sanno,
non hai mai avuto qualcosa di meglio da fare.
Gli occhi lo ammettono,
non hai mai voluto qualcosa di meglio da fare.

La carta vincente di chi sfrutta la mancanza di stimoli,
il trucco di chi svuota dentro per poter eliminare.
Piattola sociale sempre tra i piedi per scroccare
non ti devo proprio un cazzo, solo l'augurio di schiattare.

Uomo-foglia, ogni giorno sempre piu' in basso,
sempre in fila per obliterarti la vita
non sai muoverti, non riesci a cambiare
stessa merda all'infinto... le tue vene - la tua clessidra.

Tu hai il doppio del mio tempo ma neanche un quarto della mia vita
Tu hai il doppio del mio tempo ma neanche un quarto della mia vita
Tu hai il doppio del mio tempo ma neanche un quarto della mia vita...
...della mia vita ...della mia vita ...della mia vita.......

...per una notte schiodarti a calci in culo
svegliarti dal letargo a cui ti sei abbandonato.
Tu davanti a una finestra, tu davanti a una siringa
adesso a mente fredda, fammi vedere cosa sai fare.


05 - Rapporto Interrotto
Spettrale, si sposta da dietro
e' una mano a gridare "basta".
Interrotto da fiumi di immondizia verbale.
Schivo, non riesco a distrarmi.
Frantumato a terra per un mondo in piu'.
Spento, la faccia rinfrescata a sangue e sputi.
Ancora interrotto perche' troppo sociale.
Rapporto interrotto per diversificazione.
Rapporto interrotto per luogo comune.

Il pasto e' pronto...
un cucchiaio spinto giu'
finche' ingoio merda e denti.
Poi ferro, dalle labbra. Estratto. Sporco.
La testa rovesciata verso un varco che si stringe.
Sorrisi che mi comunicano "dal dolore non ti sganci".
Ancora interrotto per obbligo a evirarsi.
Rapporto interrotto per mancanza di contatti.
Rapporto interrotto per metastasi del sistema etico/morale.


06 - Nascere Per Violentarsi
Grezzi e frenetici ti usavano come un cesso
menti assorte nella nevrosi del loro sesso
l'abbraccio freddo e sporco una corsa esasperata
unici oggetti il tuo corpo e la scopata.

L'hai data a mezzo mondo, con quale risultato?
Quando hai teso la mano quel mondo non ti ha cagata.
Alcohol e malattia - amari di depressione
soldi per sistemarti... neanche l'illusione.

DUE VITE APPESE A UN CAZZO
MARCISCONO UNA DENTRO L'ALTRA
DUE VITE APPESE A UN CAZZO
MARCISCONO UNA DENTRO L'ALTRA

Per la tua famiglia sei gia' un peso cancellato
migliaia di kilometri ti dividono da un aiuto
hai scoperto i sentimenti e gia' cominci a disprezzarli
non funzioni con te stessa, sei nata per violentarti.

DUE VITE APPESE A UN CAZZO
MARCISCONO UNA DENTRO L'ALTRA
DUE VITE APPESE A UN CAZZO
MARCISCONO UNA DENTRO L'ALTRA
...vale la pena vederle morire,
impari a odiar la gente sotto una nuova angolazione.


07 - La Repulsione Negli Occhi
Guardami in faccia, atteggiati da uomo
irradiami di determinazione e onesta' infinita
io dal basso in alto non so se staro' a sentire
ti vedro' come un grumo nel cancro della mia vita.
Chiamala debolezza... forse anche nervosismo
no, e' il modo di fare di una persona irritata
la repulsione di chi e' solo, in un mondo separato
la luce, il sapore dell'aria - qui non c'e' spazio per te.

Tu parli e cerchi i miei occhi
io annuisco e allontano lo sguardo
FRONTALE - ma e' come darti le spalle
lo sai, dentro ho qualcosa che non va.
Carisma + un tocco di simpatia
intrattieni e ti giochi la gente
ma qui ora non c'e' psicologia
che dirotti il mio disprezzo per te.

Troppa gente si arrampica a quel senso di sicurezza
parlare senza fissarti e' il simbolo della mia negativita'.

Guardami in faccia, donna che chiava
condizione perfetta, calorosa e slanciata
inebriatrice di sensi, demolisci il mio IO
allatta il sadismo di una mente malata.
c'e' gente che ti ammira, ti protegge, ti invidia
e chi ti sfoggia in giro come un abito firmato
e' il riciclaggio umano la rampa della tua scalata
buon mezzo per parare il culo... saper dosare la femminilita'.

Matura e diretta nel piegarli
arrendevole e dolce nel sedurli
per me sei solo la deriva
di un mito fondato sulla disonesta'.
Mi annoi come un libro gia' letto
mi disgusti come un pasto avariato
mi ecciti solo se penso al tuo corpo...
... sbrindellato in un'orgia di crudelta'.

SE A TE NON DISPIACE... BUONGUSTO E CORTESIA...
UN MARTELLO PER SFONDARTI LA FACCIA.
SIGNORA SI ACCOMODI... HA TEMPO PER DUE PAROLE...
TI STUPRO, TI DISSANGUO, INFIERISCO SUL TUO CORPO.
SOLO DEPRAVAZIONE PER SEDARE L'OSSESSIONE
TU FILTRI CON LA MORALE IO RESPIRO REPULSIONE
"AMORE FOTTE AMICIZIA" - TUO GUADAGNO E SODDISFAZIONE
HO SCELTO DI FAR DEL MALE PER STAR LONTANO DALLE PERSONE.

Sentimenti falsi, ingredienti del rapporto umano
contatti autoimposti per sterilizzare la ferita
giudicami con schifo, scelgo il sesso-sfruttamento...
...per scansare dosi di parole e il ribrezzo di un'altra vita.
La mia esclusione e' certa, cresce a spilli nello stomaco
come articolazioni rotte da giorni spenti nel passato
liberarsi da uno strato e scoprirne un altro ancora
tu sei il vuoto che rimbalza, ma non tocchera' mai me.

Quando soffri di carenze affettive
mi piace vederti bruciare
il cinismo e la sociopatia
sono il sole sul deserto che ho in me.


08 - Sbocco Nichilista
La nausea di vivere con quella massa di coglioni
uscire ogni volta per accumulare delusioni
Lo sbocco quando sale... il marcio a pezzettoni
rigurgitare il blocco e far finta di esser buoni.

In una societa' in cui esprimersi e' sbagliato
senza regole - niente lavoro
sono uno zero, uno squilibrato
Non voglio piu' pensarci ma non posso lasciar stare
ti vomito tutto addosso, mi devo liberare


09 - Dio e' Solo Merda
Suore immacolate, puttane del Signore,
vergini che danno il culo attraverso le preghiere,
preti bacchettoni, drogati di seghe,
ancora ai tempi di inquisizioni e rogo delle streghe.

DIO IN CONCRETO e' IL MARCIO CHE VI CIRCONDA

E il Papa che piange e' il solito falso rito,
avete eretto il monumento a un vecchio rincoglionito,
intorno a lui che benedice scorron fiumi di denaro,
per chi ha fame e vive male solo merda o piscio amaro.

DIO IN CONCRETO e' IL MARCIO CHE VI CIRCONDA

Cristo, la Madonna, il pensiero religioso,
stronzate per fregare chi e' ingenuo o "bisognoso",
non voglio avere fede e qualcosa in cui sperare,
non voglio purificarmi - il Paradiso mi fa cagare.

DIO IN CONCRETO e' IL MARCIO CHE VI CIRCONDA

Quando vai a messa, in silenzio ad ascoltare,
fuori hai un figlio tossico e una moglie che si fa scopare.
Il mondo crolla a pezzi ogni giorno sempre piu' nero,
troppo tardi per accorgersene sotto una croce al cimitero.

DIO IN CONCRETO e' IL MARCIO CHE VI CIRCONDA
DIO e' SOLO MERDA E IL MARCIO VI CIRCONDA


10 - Il Tuo Amico Morto
Sentore di sangue alzato dall'aria sfiora i miei sensi
la testa sfondata, si vede la carne che libera pensieri
"scritto nel destino" - luogo comune, attenuante sconfitta
io guardo il tuo amico, ex-vivo ordinario, e mi sento appagato

TU SAI BENE CHE IN FONDO HAI UN PO' DI COLPA (x ...)
puoi nasconderlo agli altri, ma non a te stesso, alla coscienza che giudica,
puoi calare le tende, riabbracciare le giornate, sopravvivere ipocrita,
il tuo volto oscurato e' un cane pestato che ringhia vendetta,
soffri per trattenerlo, ti neghi ai suoi occhi, ti neghi al rimorso.

Cammino verso il corpo, ne apprezzo il chiarore,
l'espressione deformata
immagino il tempo - il cuore che cede... mi esalto in silenzio
vorrei averlo filmato per riguardarmelo da solo centinaia di volte
il tuo amico cadavere giustifica il peggio, e' liberazione

TU SEI VIVO E QUESTO e' IL TUO SUPPLIZIO (x ...)
la partita e' gia' chiusa, non puoi sfidarmi... ti fracasso la testa,
dentro le mie spire esplode il dolore, si annulla il contrasto,
una valle di pietre soccombe su fiori tormentati dal fumo,
abbraccio la morte, le stringo una mano, per giocare la sua carta.

ALLUCINATO VIAVAI DI COMPROMESSI
UN TUNNEL SENZA SPECCHI DAVANTI A CUI SVENARTI


11 - Quasi Donna...Femminista
e' sesso represso il movente della tua lotta
un frutto maturato-esposto-marcito
orgoglio sbandierato su macerie di slogan
isolato nel tuo ghetto di autocommiserazione

Solo piu' ipocrisia la tua ideologia
uguaglianza sconfinata in supremazia
tu non vuoi confronto, ma netta separazione
e l'uomo-carnefice non ti prende in considerazione

Guarda cosa fai
Dimmi perche' lo fai
Oggi dove stai?
Cosa ti precluderai?

FEMMINISTA DI MERDA!!!


12 - Sogno Un Mondo Senza...
La gente e' sempre piu' spenta,
bloccata nel capire - illusa di pensare
La gente e' sempre piu' vuota,
stanca di vedere - incapace di sentire.

Qualcosa fa da tramite, raffredda il sangue
qualcosa si interpone, effetto "mano davanti agli occhi".
Lacrime e sensazioni diventano passato,
inerzia e vuoto psichico raggelano il presente.

Un eco non e' mai una risposta...
ti lasci sostituire, non riesci piu' a cambiare
Passivo, a scavarti la fossa...
assenza di fantasia, combustibile da bruciare.

Quando alzo lo sguardo, qualcuno mi sanguina addosso
mi perdo tra i palazzi - immagini di tempi persi.
Urlo "muovetevi!" a un pubblico di statue
sfondo a pugni la corteccia....
c'e' un altro amico perso - un altro contagiato.

Questa gente mi sembra triste anche quando si diverte
Questa gente mi sembra malata anche quando sorride
Questa gente mi sembra sterile, non riesce piu' a inventare
Questa gente mi sembra inutile perche' non riesce piu' a vivere

Sogno un mondo senza ..... io e il vuoto intorno.
Sogno un mondo senza ..... e non voi vuoti intorno a me!


13 - Peso Inutile
Un peso inutile - un cadavere da occultare
per voi e' quello che sto diventando.
Le bastonate dei vecchi, le umiliazioni a scuola,
"servizio sostitutivo" ... un anno a fare lo scarto
no, non e' servito a niente.

Un peso inutile - un cadavere da occultare
perche' non ho merda da consumare o da produrre,
perche' non ho imparato a far dei soldi il mio destino,
perche' non chino la testa ai vostri imperativi.

... e son quello che si trascina dietro miriadi di topi
che scappano urlanti dai vostri condomi'ni.

Un peso inutile - un cadavere da occultare
e alla fine io scompaio, una riga su un registro
murato in un anfratto insieme ai vostri dubbi
...nervi a elastico in tensione, un giorno hanno ceduto.

Per i pesi inutili c'e' il carcere speciale,
"la polvere sotto il tappeto aggiusta la visuale".


14 - Il Grande Silenzio
Quei giorni... non credevo mai che saremmo arrivati a questo
1998... noi, corpi sfatti e assuefatti per la mediocrita'.
Popolazione cancerogena,
non so se guarderete indietro anche voi...............

Il grande silenzio
che avvolge le mie mani, e domina i miei occhi
oscurando cio' che penso.
Il ciclo del dissenso
perseguita la mia pace, fomenta il mio disprezzo
per poi implorar vendetta.

..e intanto la stanza e' piccola e la gente sta aumentando
ogni gesto, ogni abitudine ormai e' fastidio che va in crescendo
non mi sento cosi' egoista nel rivendicare l'aria che stai infettando
l'equilibrio che hai distrutto apparteneva anche a me!

Il grande silenzio
un mitra nelle mani, un progetto nella mente,
l'urgenza di farmi spazio.
Nervoso come il vento
espando il gusto del nero, condanno ogni parola
mi butto nel massacro.

Tua moglie in giro gonfia per un altro colpo andato a centro
e' sfoggio di virilita' e la tua stirpe sta incalzando
ho bruciato anni su anni a detestarti, coetaneo spento
e i surrogati che oggi educhi chissa' che merde diventeranno...


15 - Conclusione
... e tutto il tuo lavoro finira' nel nulla!

Rabbia e senso di ossessione
scoglio angusto, esasperazione
penso e cresce, dormo e muore
fango sparso sul loro amore
Aule sature di inquisizione
digrigna ossa nella tensione
penso e cresce, urlo e muore
sono l'ombra che dilata il tuo terrore

E' DA ANNI CHE NON CI SEI
GIOCHI USATI - RIPETI E FAI
RASSEGNATO AL "TI ABITUERAI"

Corpi si sbattono ingordi di attenzione
nel mio nome la loro conclusione
penso e cresce, esco e muore
una morsa secca che scortica il cuore.
Peggio che vivere, tu vuoi transitare
chi mi osserva lo dovra' scontare.

CONCLUSIONE -----------
CONCLUSO ---------------


16 - 94x Flashback Di Massacro
Estratti dai film "Giornata nera per l'ariete" di L. Bazzoni (1971),
"Frenzy" di A. Hitchcock (1972), "La maschera del demonio" di M. Bava (1960).


1-L'entrata accanto
Verso lo sterminio delle persone altolocate.

2-Non ve lo abbandonero'
Vittime di vincoli soffocanti.

3-Vicino alla disperazione
Contro chi getta la prima pietra a danno di una creazione inversa.

4-Sgranando gli occhi
Un lungo lavoro clandestino.

5-Assetto sociale
Lotta a morte tra chi se la gode e chi e' oppresso.

6-Impiccato nello stesso anno
Forme governative incarnate sulla decadenza economica.

7-Diritti dell'uomo-schiavo
Lezioni in prediche concernenti una cospirazione libresca.

8-Colonne di alluminio
Circoli incisi sul calice delle sofferenze.

9-Un sistema non ultimato
I miei segreti....
inaccessibili per tutti coloro che vivono nella cosiddetta "societa' colta".

10-Sguardi in silenzio
Abissi di idee per una generazione onnidistruttiva.

11-Difficile dubitare
Quando prendi coscienza delle loro scienze artefatte.

12-Nichilismo ampliato
Il rimorso d'un sorriso spinto fino alle lacrime....
anzi, di lacrime spinte fino ad un sorriso.

13-Non essere d'accordo
Sostieni l'infiltrazione del gelo.

14-Epidemia di sguardi malevoli
Il marciume sta nel sesso regolamentato.

15-Silenzio
Relativo alle mani.

16-Lavoro velocizzato
Affonda nel mucchio.

17-Disposizione ordinaria
La sera intesa come resto.

18-Se io ne parlo
Proprio per questo devo farlo.

19-Che non si ripeta
Nei dubbi, l'assenza procura lavoro.

20-Un sorriso quasi triste
e' quello che mi tocca vedere, se abbassi la voce.

21-Presenza di spirito
Inconsuetudine intesa come piacere.

22-Impiegato,indagatore
Mitigando la secchezza di una stretta di mano.

23-Non ha importanza
Avrei voluto esprimere un'ombra di rincrescimento.

24-Vattene
Anzi,non occorre.

25-Ma... ti credo senz'altro
Consuetudini di chi penetra in una camera buia.

26-Terza persona responsabile
Ogni cosa rimessa al suo posto.

27-Indulgenza
Anche in qusto caso, un'esagerazione.

28-Invito alla riservatezza
Laboriosa, un grosso sbaglio... puntuale.

29-Come e' falso Dio
Non posso fare a meno di parlare cosi'.

30-Ti osservo ancora
La porta, gia' aperta per andarsene.

31-Mantengo il distacco
La vostra vita per una pensione.

32-Spiraglio di rumore
Non ho sonno e non conosco nessuno.

33-Me ne approfitto
Per vedere il rientro.

34-Sconveniente?
L'idea di vendicarmi, premendo gli occhi stanchi.

35-Il mattino dal niente
La strada trasloca anche senza muoversi.

36-Sospetto notturno
Ad ogni punto occupato.

37-L'idea irritante in programma
Privarsi della visita di chi salta la cena.

38-Si rifugia
Glacialita' istantanea di chi e' immerso nei suoi pensieri.

39-Ancora un istante
Perdere il buio, bisbigliare una preghiera.

40-Nonostante la stanchezza
Le introduzioni che il disordine salta sempre.

41-Controvoglia
Ma e' colpa mia.

42-Il punto interessante
I segreti, se insisti, si guardano negli occhi.

43-Raggiungo l'esterno
L'inchiesta, la prova dei fatti.

44-Diritto al fascino
La liberta' di una foto non si scaraventa addosso cosi'.

45-Completare un libro
Il filo del discorso accarezza un movimento generico.

46-Non esisti


47-Spingo via quello che mi viene in mente
Rappresentazione di un torto immenso.

48-Quasi urla
La scena comincia veramente.

49-Impallidite
e' spiacevole rievocare il tormento.

50-Plausibile
Trascinare in un angolo qualsiasi giustificazione.

51-Convinzioni di chi leva uno sguardo
La collera di chi ha intenzione di tranquillizzarsi con un colpo improvviso.

52-Prendimi il polso
Trasalire, trovare un ostacolo, liberarsi.

53-Tempo di ripensare
Scuotere le spalle curve.

54-Approfondisci un'obiezione
Mi scosto da un numero da interrogatorio.

55-Allontanati
Se un obbligo equivale ad una comunicazione.

56-Figli del sangue
-------------------------------------------------

57-Edifici praticamente uguali
Nonostante tutto, il contenuto si riaggancia ad intervalli regolari.

58-Logorato in un assassinio
Dirigersi verso i gradini di una finestra.

59-L'arresto di una traiettoria
La vita intesa come una sua conseguenza.

60-Simpatia di una rinuncia
Forse, tenendo in braccio alcuni pensieri.

61-Il fondo della sala
Mani tese, fisse negli occhi.

62-Confini affollati
Il mormorio vestito di nero.

63-Rafforzare un applauso di dolore
Osservare piuttosto che parlare.

64-Giochiamo a riconoscerlo
Interpretare il ribrezzo di una tosse convulsa.

65-A dispetto della discrezione
Considerando di strapparti le braccia.

66-Quello che e' successo a me
Silenzio, continuate a studiarci.

67-Ascolta
Almeno il pubblico su una buona strada.

68-Gli ordini finiscono in provocazioni
Tenendo in pugno quello che vi riguarda poco.

69-Innocenza di un procedimento assurdo
Ogni misura o colore, distinti da un'esaltazione del piacere.

70-Artiglio mentale
Faccia a faccia con la folla.

71-Distintivo
Lasciami... o mi volto di scatto.

72-Violenza di un'assemblea
Il coraggio di chi denuncia un'occhiata.

73-Un momento... non e' permesso
Quelli sono codici, noi solo caratteri.

74-Crollando verso un'opposto
Non c'e' riparo, ti sta sempre dietro.

75-Grissinificio di Ebrei
Innocenza di chi e' stato costretto a non metterci mano.
Il silenzio di una societa' che devo combattere.

76-Il tuo meridiano di speranza
Un dibattito che cresce.

77-La voce della conquista
Rimango seduto,studiando il metodo di levarti di torno.

78-Uomini malati
L'astratta ironia del destino.

79-Carattere ceriforme
Dappertutto lo stesso.

80-Ritorno al letargo intellettuale
L'influsso dell'ereditarieta'.

81-Significato fatale
L'estremita' della zona di confine posta tra malattia e sanita'.

82-Per voi le cose vanno bene
Assuefazione del vero anarchismo...
Un pugnale incastrato nel nodo scorsoio della vita.

83-Contro i dogmi teocratici
Invito alla fulminea riflessione.

84-Reiterazione apatica
Caduta del pensiero fuori dalla propria estasi.

85-Delitto proporzionale
La vita si annienta nella misura in cui la si accresce.

86-Effetto perpetuo
Recupero incessante di un'assenza di struttura logica.

87-Autonomia sconsacrante
Travestire la propria perversione in pensiero.

88-Totalizzazione delle esperienze
Il puro focolaio di una coscienza assolutamente lucida.

89-L'ideologia dello "scarto"
Consolidare i pregiudizi di una struttura borghese.

90-Affrontare un passaggio a livello
Il macabro impatto di un'improvvisa assenza di abitudini.

91-Ghiacciaio
Tristezza di chi affronta direttamente ...
l'insensibilita' di una rete di comunicazioni.

92-Trasfusione angolare
Occhi dipinti da cicatrici monastiche.

93-Il volto della discordia
L'estremizzazione di un sentimento positivo.

94-perche' si uccide una donna

.CONDIVIDI.